Are you the publisher? Claim or contact us about this channel


Embed this content in your HTML

Search

Report adult content:

click to rate:

Account: (login)

More Channels


Showcase


Channel Catalog


Channel Description:

Divisare - Projects Latest Updates

older | 1 | .... | 475 | 476 | (Page 477) | 478 | 479 | .... | 567 | newer

    0 0

    The Apple Store in Istanbul’s new Zorlu Centre has been designed in collaboration with Apple and is the first in a series of new stores around the world. The project is also the first building to be completed by the practice in Turkey. The store is crowned by a spectacular illuminated glass lantern set in a reflecting pool of water – this provides the jewel-like centrepiece of the shopping centre’s crescent plan and acts as a light well, drawing daylight deep into the subterranean retail levels.

    Foster + Partners — Apple Store Zorlu

    The lantern is a deceptively simple, yet technically advanced composition of four rectangular glass panes, each ten metres long, held together without mechanical fixings or visible joins, and covered by a lightweight sheet of opaque carbon fibre. Below ground, the store is arranged over two levels and features Apple’s signature wooden tables, genius bar and stainless steel walls, which have been adopted as the standard for all of the firm’s retail spaces. The floors are connected by a pair of dramatic glass staircases, which are positioned beneath two skylights and supported by glazed walls. Daylight is carefully orchestrated throughout, as light is cast through the transparent stairs and store facade, and reflected internally by stainless steel surfaces. The storefront is constructed using nine-metre tall monolithic glass panes which, like the lantern, has no structural fins.

    Foster + Partners — Apple Store Zorlu

    Working alongside one another as an integrated team of designers, architects and engineers, the project has showcased intense innovation in the use of materials and bespoke elements. The luminous ceiling panels, for example, were developed especially for the stores in conjunction with the manufacturers and emit a calm, seamless, even glow. The panels, the largest of which is 27 metres long, conceal acoustic absorbency and to maximise flexibility, can also be easily lowered to allow access to the ceiling above. The result of close collaboration between architect and client, the store is both an expression of Apple’s brand and a beacon for the Zorlu development, with the architecture complementing the purity of form, innovation and ease of use of the products on display.

    Structure: Steel frame with reinforced concrete
    Materials: Glass facade consisting of 12m x 3m glass panels, glass staircases

    Structural Engineer: Foster + Partners
    Mechanical and Electrical Engineers: Foster + Partners
    Main contractor: Akturk

    Foster + Partners — Apple Store Zorlu

    Foster + Partners — Apple Store Zorlu

    Foster + Partners — Apple Store Zorlu

    Foster + Partners — Apple Store Zorlu

    Foster + Partners — Apple Store Zorlu

    Foster + Partners — Apple Store Zorlu

    Foster + Partners — Apple Store Zorlu

    Foster + Partners — Apple Store Zorlu

    Foster + Partners — Apple Store Zorlu

    Foster + Partners — Apple Store Zorlu

    Foster + Partners — Apple Store Zorlu

    Foster + Partners — Apple Store Zorlu

    Foster + Partners — Apple Store Zorlu

    Foster + Partners — Apple Store Zorlu

    Foster + Partners — Apple Store Zorlu

    Foster + Partners — Apple Store Zorlu

    Foster + Partners — Apple Store Zorlu

    Foster + Partners — Apple Store Zorlu

    Foster + Partners — Apple Store Zorlu

    Foster + Partners — Apple Store Zorlu

    Foster + Partners — Apple Store Zorlu

    Foster + Partners — Apple Store Zorlu

    Foster + Partners — Apple Store Zorlu

    Foster + Partners — Apple Store Zorlu


    0 0

    This community centre is located in the centre of Beselare, in between the church and the municipal sports hall. The sloping terrain structures how the building functions, and allows a visual interaction with the surrounding landscape. The program includes an entrance, lobby and meeting room, located on the level of the town centre, and a multi-use hall on the lower level that is partially dug into the hillside. The structure of the building consists of a concrete, acoustically insulated main volume, housing the hall. This volume is ringed by a steel structure that houses the lobby and meeting room, and works as an acoustic buffer towards the outside. On the lower level, the dug-in hall is enclosed by service functions that also work as an acoustic buffer. The inner walls of the hall are constructed in concrete blocks. The perforated brick bond, applied on the upper part of the walls, proves a cheap and effective measure to improve the hall’s acoustic performance. Several interior windows provide a visual relation with the lobby and allow for daylight to enter into the hall. Community centre, sports hall and church define the public core of the town. The open space in between them provides sufficient car parking spaces and allows for (combined) outdoor activities to take place.

    Dierendonckblancke architects — community centre

    Dierendonckblancke architects — community centre

    Dierendonckblancke architects — community centre

    Dierendonckblancke architects — community centre

    Dierendonckblancke architects — community centre

    Dierendonckblancke architects — community centre

    Dierendonckblancke architects — community centre

    Dierendonckblancke architects — community centre

    Dierendonckblancke architects — community centre

    Dierendonckblancke architects — community centre

    Dierendonckblancke architects — community centre

    Dierendonckblancke architects — community centre

    Dierendonckblancke architects — community centre

    Dierendonckblancke architects — community centre

    Dierendonckblancke architects — community centre

    Dierendonckblancke architects — community centre

    Dierendonckblancke architects — community centre

    Dierendonckblancke architects — community centre

    Dierendonckblancke architects — community centre


    0 0

    Renovation of a terraced house in Ghent

    Dierendonckblancke architects — house FMs

    Dierendonckblancke architects — house FMs

    Dierendonckblancke architects — house FMs

    Dierendonckblancke architects — house FMs

    Dierendonckblancke architects — house FMs

    Dierendonckblancke architects — house FMs

    Dierendonckblancke architects — house FMs

    Dierendonckblancke architects — house FMs

    Dierendonckblancke architects — house FMs

    Dierendonckblancke architects — house FMs

    Dierendonckblancke architects — house FMs

    Dierendonckblancke architects — house FMs

    Dierendonckblancke architects — house FMs

    Dierendonckblancke architects — house FMs


    0 0

    Il Quartier Generale della NYHAè un edificio compatto, tagliato in due nel suo sviluppo verticale da un piano trasparente completamente vetrato: rappresenta il piano della ricerca avanzata della cardiologia “Hert Level”.L’impianto architettonico si organizza tutto intorno a questo piano che fa da filtro funzionale tra il livello sottostante e il livello sovrastante.

    Piero Speranza, Corinne Piera Speranza, Giulia Speranza, sas&a - studio di architettura speranza associati — NYHA (New York Heart Association) Headquarter

    Piero Speranza, Corinne Piera Speranza, Giulia Speranza, sas&a - studio di architettura speranza associati — NYHA (New York Heart Association) Headquarter

    Piero Speranza, Corinne Piera Speranza, Giulia Speranza, sas&a - studio di architettura speranza associati — NYHA (New York Heart Association) Headquarter

    Piero Speranza, Corinne Piera Speranza, Giulia Speranza, sas&a - studio di architettura speranza associati — NYHA (New York Heart Association) Headquarter

    Piero Speranza, Corinne Piera Speranza, Giulia Speranza, sas&a - studio di architettura speranza associati — NYHA (New York Heart Association) Headquarter

    Piero Speranza, Corinne Piera Speranza, Giulia Speranza, sas&a - studio di architettura speranza associati — NYHA (New York Heart Association) Headquarter

    Piero Speranza, Corinne Piera Speranza, Giulia Speranza, sas&a - studio di architettura speranza associati — NYHA (New York Heart Association) Headquarter

    Piero Speranza, Corinne Piera Speranza, Giulia Speranza, sas&a - studio di architettura speranza associati — NYHA (New York Heart Association) Headquarter

    Piero Speranza, Corinne Piera Speranza, Giulia Speranza, sas&a - studio di architettura speranza associati — NYHA (New York Heart Association) Headquarter

    Piero Speranza, Corinne Piera Speranza, Giulia Speranza, sas&a - studio di architettura speranza associati — NYHA (New York Heart Association) Headquarter

    Piero Speranza, Corinne Piera Speranza, Giulia Speranza, sas&a - studio di architettura speranza associati — NYHA (New York Heart Association) Headquarter

    Piero Speranza, Corinne Piera Speranza, Giulia Speranza, sas&a - studio di architettura speranza associati — NYHA (New York Heart Association) Headquarter

    Piero Speranza, Corinne Piera Speranza, Giulia Speranza, sas&a - studio di architettura speranza associati — NYHA (New York Heart Association) Headquarter

    Piero Speranza, Corinne Piera Speranza, Giulia Speranza, sas&a - studio di architettura speranza associati — NYHA (New York Heart Association) Headquarter

    Piero Speranza, Corinne Piera Speranza, Giulia Speranza, sas&a - studio di architettura speranza associati — NYHA (New York Heart Association) Headquarter


    0 0

    Progettare in un luogo in cui la natura è protagonista incontrastata impone una precisa scelta di campo, crediamo che sia fondamentale rispettare la montagna, plasmando l’architettura proprio in funzione delle particolari condizioni ambientali del contesto alpino. Contemporaneamente però riteniamo necessario rispondere alle precise esigenze funzionali di un edificio a servizio di chi svolge attività alpinistica estiva, cercando un giusto equilibrio tra comfort e minimalismo. Il primo impulso progettuale è stato quindi quello di nascondere il più possibile il bivacco alla vista degli escursionisti, renderlo invisibile per non offendere il paesaggio, ma questa scelta sarebbe stata in forte contrasto con la funzione principale del bivacco stesso, che è un approdo, un punto sicuro cui arrivare, magari esausti o in condizioni climatiche difficili. Volendo quindi trovare un giusto equilibrio tra queste due esigenze contrapposte abbiamo deciso di realizzare un piccolo volume sfaccettato che si offre muto, cieco, apparentemente privo di aperture, allo sguardo di chi percorre il sentiero, una sorta di masso artificiale che desidera quasi passare inosservato. Ma la sua forma sfaccettata riesce a spiccare dalle rocce della pietraia per mostrarsi come riparo caldo e sicuro per la notte, a breve distanza dal sentiero principale, su un piccolo affioramento roccioso al riparo dalle valanghe. Quando, in inverno, una spessa coltre di neve uniforma il contesto, il profilo appuntito del volume crea un movimento anomalo, facilmente individuabile anche nel morbido paesaggio innevato, mentre la vetrata rivolta a valle, ad una quota nettamente superiore rispetto al terreno sottostante, svetta rispetto allo spesso strato nevoso, mantenendosi riconoscibile in qualunque condizione ambientale. Il bivacco si raggiunge percorrendo una traccia pianeggiante che si stacca dal sentiero principale, supera l’edificio a monte e conduce all’accesso ricavato sul suo lato nord. Qui, una passerella pavimentata con griglia zincata, antisdrucciolo, antiscivolo e piuttosto permeabile alle precipitazioni nevose, conduce alla porta di ingresso. La scelta di collocare la porta ad un livello superiore rispetto alla quota della pietraia sottostante permette di garantire l’accessibilità al bivacco anche in caso di abbondanti nevicate.

    Claudio Bosio, Elisa Mensa, Emanuele Lenta — Bivacco Fanton Marmarole

    Claudio Bosio, Elisa Mensa, Emanuele Lenta — Bivacco Fanton Marmarole

    Claudio Bosio, Elisa Mensa, Emanuele Lenta — Bivacco Fanton Marmarole

    Claudio Bosio, Elisa Mensa, Emanuele Lenta — Bivacco Fanton Marmarole

    Claudio Bosio, Elisa Mensa, Emanuele Lenta — Bivacco Fanton Marmarole

    Claudio Bosio, Elisa Mensa, Emanuele Lenta — Bivacco Fanton Marmarole

    Claudio Bosio, Elisa Mensa, Emanuele Lenta — Bivacco Fanton Marmarole

    Claudio Bosio, Elisa Mensa, Emanuele Lenta — Bivacco Fanton Marmarole


    0 0

    Le finalità dell’intervento proposto sono quelle di Riqualificare l’intera area di Piazza della Repubblica e di quella del Mercato, attraverso un complesso di opere di Ristrutturazione Urbanistica e Recupero Ambientale di uno spazio urbano, degradato e caratterizzato dalla presenza sia di strutture obsolete e non più funzionali al Mercato Ortofrutticolo che dalla presenza di un Parcheggio a Raso per autovetture, causa di un forte e sgradevole inquinamento visivo.

    Camillo Lauro, vincenzo attanasio — Repubblica

    Camillo Lauro, vincenzo attanasio — Repubblica

    Camillo Lauro, vincenzo attanasio — Repubblica

    Camillo Lauro, vincenzo attanasio — Repubblica

    Camillo Lauro, vincenzo attanasio — Repubblica

    Camillo Lauro, vincenzo attanasio — Repubblica

    Camillo Lauro, vincenzo attanasio — Repubblica

    Camillo Lauro, vincenzo attanasio — Repubblica

    Camillo Lauro, vincenzo attanasio — Repubblica

    Camillo Lauro, vincenzo attanasio — Repubblica


    0 0

    studi progetto flaminio

    c.a.c.p. studio // cecilia anselmi carlo prati architetti, Studio di Architettura Anselmi & Associati , Donatella Pino, Gianni Celestini, Bioprojectgroup srl, Valerio Bramucci, Studio di Architettura Anselmi & Associati  — PROGETTO FLAMINIO

    studio

    c.a.c.p. studio // cecilia anselmi carlo prati architetti, Studio di Architettura Anselmi & Associati , Donatella Pino, Gianni Celestini, Bioprojectgroup srl, Valerio Bramucci, Studio di Architettura Anselmi & Associati  — PROGETTO FLAMINIO

    studio

    c.a.c.p. studio // cecilia anselmi carlo prati architetti, Studio di Architettura Anselmi & Associati , Donatella Pino, Gianni Celestini, Bioprojectgroup srl, Valerio Bramucci, Studio di Architettura Anselmi & Associati  — PROGETTO FLAMINIO

    studio

    c.a.c.p. studio // cecilia anselmi carlo prati architetti, Studio di Architettura Anselmi & Associati , Donatella Pino, Gianni Celestini, Bioprojectgroup srl, Valerio Bramucci, Studio di Architettura Anselmi & Associati  — PROGETTO FLAMINIO

    studio

    c.a.c.p. studio // cecilia anselmi carlo prati architetti, Studio di Architettura Anselmi & Associati , Donatella Pino, Gianni Celestini, Bioprojectgroup srl, Valerio Bramucci, Studio di Architettura Anselmi & Associati  — PROGETTO FLAMINIO

    studio

    c.a.c.p. studio // cecilia anselmi carlo prati architetti, Studio di Architettura Anselmi & Associati , Donatella Pino, Gianni Celestini, Bioprojectgroup srl, Valerio Bramucci, Studio di Architettura Anselmi & Associati  — PROGETTO FLAMINIO

    studi

    c.a.c.p. studio // cecilia anselmi carlo prati architetti, Studio di Architettura Anselmi & Associati , Donatella Pino, Gianni Celestini, Bioprojectgroup srl, Valerio Bramucci, Studio di Architettura Anselmi & Associati  — PROGETTO FLAMINIO

    studi


    0 0

    La trasformazione dell’ex Stabilimento Macchine Elettriche di Precisione si inserisce in un processo di rigenerazione urbana avviato da alcuni decenni nel quartiere Flaminio, dove le testimonianze storico-architettoniche costruiscono un sistema contestuale ricco, stratificato e complesso. A scala urbana il progetto rafforza la mobilità trasversale tra Foro Italico, via Poletti e Maxxi agganciando, come naturale prosecuzione, la grande piazza della Città della Scienza. La scansione di giardini e piazze diviene collegamento con via Stern e il Lungotevere, integrando così il fiume. Il sistema degli spazi pubblici intercetta la direttrice di via Reni con le centralità della via Flaminia. La questione urbana del Flaminio non è però adducibile ai soli tracciati. Sono evidenti, infatti, due anime dell’area. La prima è quella del fuori scala architettonico Olimpico, Maxxi, Parco della Musica, Palazzetto, Flaminio, quartiere IACP in asse con le colline di Monte Mario e Villa Glori. La seconda è il tessuto urbano a carattere misto – residenziale e industriale ancora parzialmente presente, che definisce il disegno triangolare del quartiere del1909. Il progetto tenta di coniugare le diverse “anime urbane” nell’articolazione del programma e nel carattere architettonico.

    Jo Coenen, Progetto CMR, BAS_ Berlingieri Architetti Studio — Progetto Flaminio

    La Città della Scienza L’edificio culturale/espositivo/laboratoriale si misura con le altre centralità urbane. Un grande tetto di circa 100 m per lato si poggia su tre nuclei funzionali. Ospita al piano seminterrato depositi e parcheggi, a quota terra gli spazi espositivi temporanei e i servizi convegnistico-commerciali, per i successivi due piani le funzioni laboratoriali, didattico-espositive e amministrative. La grande piazza coperta comunica con il quinto prospetto della terrazza urbana verde con una grande rampa circolare. Un oculum energetico che illumina e richiama il tema dell’impluvium romano.

    Jo Coenen, Progetto CMR, BAS_ Berlingieri Architetti Studio — Progetto Flaminio

    Attrezzature collettive e aree commerciali Il suolo urbano si estende per tutto il quartiere con il mantenimento dei viali lungo le sagome degli edifici industriali e l’innesto di passages pubblici. I recinti preservati sono svuotati e ospitano in parte le aree commerciali. La mobilità pedonale è implementata da questa estesa porosità con una fruizione turistica e stanziale, garantendo distinzione di accesso alle diverse parti. Il sottosuolo è destinato a parcheggi commerciali e residenziali.

    Jo Coenen, Progetto CMR, BAS_ Berlingieri Architetti Studio — Progetto Flaminio

    Mixitè funzionale delle residenze Le residenze turistico ricettivo, privato e a carattere speciale, sociale – poggiano sui recinti industriali come unicum urbano. Le residenze a carattere speciale -temporanee, artistiche, telelavoro occupano il piano superiore dei recinti. Gli edifici si elevano per cinque piani fuori terra in coerenza con le altezze medie dei fabbricati circostanti. Le facciate hanno un carattere pubblico con l’impiego di una doppia pelle energetica e la vivibilitàè garantita per la presenza di giardini pensili nei piani superiori, alloggi duplex e a patio.

    Jo Coenen, Progetto CMR, BAS_ Berlingieri Architetti Studio — Progetto Flaminio

    Le scelte architettoniche contengono in sé caratteri di sostenibilità. Analogamente la proposta impiantistica, utilizza le risorse naturali presenti per limitare l’impatto come quartiere ad energia quasi-zero. L’eterogeneità delle destinazioni d’uso rende possibile concentrare le centrali di produzione in alcuni nuclei. In essi sono prodotti i fluidi di condizionamento, l’acqua calda sanitaria e l’energia elettrica che vengono poi distribuite, tramite gallerie sotterranee percorribili, alle varie costruzioni. La raccolta delle acque piovane da riutilizzare per i servizi non potabili e per uso irriguo, l’utilizzo di pannelli fotovoltaici, di collettori solari ed un sistema pneumatico per la raccolta dei rifiuti diminuiscono fortemente l’impatto ambientale dell’intera area e concorrono attivamente al contenimento dei consumi energetici. L’utilizzo di fibre ottiche per trasportare la luce all’interno degli edifici e l’illuminazione pubblica che si auto adatta al contesto rendono minimi i consumi elettrici per l’illuminazione, prevedendo una serie di sensori che, in base all’effettiva presenza, aumentano o diminuiscono l’intensità luminosa.Infine l’uso dell’ICT è necessario per la creazione di una free wi-fi zonegarantita ovunque con applicazioni contestualizzate alla navigazione e ad informazioni sul funzionamento ecologico del quartiere. L’utilizzo di fibre ottiche per trasportare la luce all’interno degli edifici e l’illuminazione pubblica che si auto adatta al contesto rendono minimi i consumi elettrici per l’illuminazione, prevedendo una serie di sensori che, in base all’effettiva presenza, aumentano o diminuiscono l’intensità luminosa.Infine l’uso dell’ICT è necessario per la creazione di una free wi-fi zonegarantita ovunque con applicazioni contestualizzate alla navigazione e ad informazioni sul funzionamento ecologico del quartiere.

    Jo Coenen, Progetto CMR, BAS_ Berlingieri Architetti Studio — Progetto Flaminio

    Jo Coenen, Progetto CMR, BAS_ Berlingieri Architetti Studio — Progetto Flaminio


    0 0
  • 04/15/15--14:37: XII 2014 - Antonio Buonocore
  • Il piccolo edificio si trova al centro di Caserta e fa parte di un complesso residenziale molto variegato e in parte trascurato. L’intervento ha riguardato l’interno e l’esterno. Nell’ interno, su due livelli, sono state accorpate due unità minime. Mentre al primo livello è stato ricavato un soppalco con lavanderia. La struttura in ferro tra i due livelli è lasciata “a vista” anche nelle zone non calpestabili. La nuova copertura è in assi di legno verniciati. il pavimento è in gres. Sono stati installati nuovi infissi esterni [in alluminio] ed interni. All’esterno sulla facciata principale è stata riproposta una fascia bassa in rosso [nella tinta che era dell’edificio prima dell’intervento] con la parte alta in bianco.

    Antonio Buonocore — XII 2014

    Fotografia © Marco Ghidelli

    Antonio Buonocore — XII 2014

    Fotografia © Marco Ghidelli

    Antonio Buonocore — XII 2014

    Fotografia © Marco Ghidelli

    Antonio Buonocore — XII 2014

    Fotografia © Marco Ghidelli

    Antonio Buonocore — XII 2014

    Fotografia © Marco Ghidelli

    Antonio Buonocore — XII 2014

    Fotografia © Marco Ghidelli

    Antonio Buonocore — XII 2014

    Fotografia © Marco Ghidelli

    Antonio Buonocore — XII 2014

    Fotografia © Marco Ghidelli

    Antonio Buonocore — XII 2014

    Fotografia © Marco Ghidelli

    Antonio Buonocore — XII 2014

    Fotografia © Marco Ghidelli

    Antonio Buonocore — XII 2014

    Fotografia © Marco Ghidelli

    Antonio Buonocore — XII 2014

    Fotografia © Marco Ghidelli

    Antonio Buonocore — XII 2014

    Fotografia © Marco Ghidelli

    Antonio Buonocore — XII 2014

    Fotografia © Marco Ghidelli

    Antonio Buonocore — XII 2014

    Fotografia © Marco Ghidelli

    Antonio Buonocore — XII 2014

    Fotografia © Marco Ghidelli

    Antonio Buonocore — XII 2014

    Fotografia © Marco Ghidelli


    0 0
  • 04/15/15--15:04: XII 2013 - Antonio Buonocore
  • Intervento di interni, con riorganizzazione degli spazi e studio delle finiture. L’ambiente unico ingresso-soggiorno-cucina è filtrato tramite librerie in ferro e legno movibili, incanalate a un elemento/contenitore in cartongesso montato a soffitto. La camera da letto è caratterizzato da ripiani su cui gira il parato. Come pavimento è stato montato un parquet di tipo industriale-rovere, gli infissi sono in pvc.

    Antonio Buonocore — XII 2013

    Fotografia © Marco Ghidelli

    Antonio Buonocore — XII 2013

    Fotografia © Marco Ghidelli

    Antonio Buonocore — XII 2013

    Fotografia © Marco Ghidelli

    Antonio Buonocore — XII 2013

    Fotografia © Marco Ghidelli

    Antonio Buonocore — XII 2013

    Fotografia © Marco Ghidelli

    Antonio Buonocore — XII 2013

    Fotografia © Marco Ghidelli

    Antonio Buonocore — XII 2013

    Fotografia © Marco Ghidelli

    Antonio Buonocore — XII 2013

    Fotografia © Marco Ghidelli

    Antonio Buonocore — XII 2013

    Fotografia © Marco Ghidelli

    Antonio Buonocore — XII 2013

    Fotografia © Marco Ghidelli

    Antonio Buonocore — XII 2013

    Fotografia © Marco Ghidelli


    0 0
  • 04/15/15--15:20: III 2015 - Antonio Buonocore
  • Per la mostra Emozioni Unesco, organizzata dal Comune di Padula, il percorso espositivo prevede la presenza di un elemento che rimandi a questo simbolo della Dieta Mediterranea. Si è pensato di costruire una versione nuova della Piramide, e di riprodurla utilizzando i colori. L’immagine sintetica e totale che se ne ricava rimanda alla varietà della dieta, ai colori del paesaggio mediterraneo e delle portate, al piacere dello stare insieme a tavola. Il dinamismo dei colori vuole anche replicare l’idea di moto, di movimento fisico. In generale, di benessere. Un oggetto parlante, quindi, ma non con l’iconografia degli alimenti, bensì con l’allegria dei colori. Al centro delle quattro facce triangolari della Piramide c’è un pannello sinottico, una sorta di legenda per decifrare la scultura. La struttura è in ferro verniciato nero, i pannelli sono in plexiglass colorato. La base misura 3×3 metri, l’altezza è 3 metri.

    Antonio Buonocore — III 2015

    Fotografia © Marica Crisci SetPh

    Antonio Buonocore — III 2015

    Fotografia © Antonio Buonocore

    Antonio Buonocore — III 2015

    Fotografia © Antonio Buonocore

    Antonio Buonocore — III 2015

    Fotografia © Antonio Buonocore

    Antonio Buonocore — III 2015

    Fotografia © Antonio Buonocore

    Antonio Buonocore — III 2015

    Fotografia © Antonio Buonocore

    Antonio Buonocore — III 2015

    Fotografia © Antonio Buonocore

    Antonio Buonocore — III 2015

    Fotografia © Antonio Buonocore

    Antonio Buonocore — III 2015

    Fotografia © Antonio Buonocore

    Antonio Buonocore — III 2015

    Fotografia © Antonio Buonocore

    Antonio Buonocore — III 2015

    Fotografia © Marica Crisci SetPh

    Antonio Buonocore — III 2015

    Fotografia © Marica Crisci SetPh

    Antonio Buonocore — III 2015

    Fotografia © Marica Crisci SetPh


    0 0
  • 04/15/15--15:40: IX 2014 - Antonio Buonocore
  • L’ufficio ha una superficie ampia ma con poca illuminazione naturale. Questa caratteristica ha suggerito una conformazione planimetrica volta a sfruttare al meglio le dimensioni e la forma dello spazio a disposizione, e a utilizzare pareti in ferro e vetro per filtrare gli ambienti ma allo stesso tempo sfruttare l’illuminazione che proviene dalle finestre. È stato fatto un utilizzo misto dei materiali. Il risultato è una sequenza di finiture di pregio [parquet, parati, vetri] alternate a elementi grezzi [ferro, intonaco non finito]. La presenza di travi e cassonetti a soffitto ha suggerito la realizzazione di una illuminazione a soffitto tramite cassonetti in cartongesso con plexiglass retroilluinati.

    Antonio Buonocore — IX 2014

    Fotografia © Marco Ghidelli

    Antonio Buonocore — IX 2014

    Fotografia © Marco Ghidelli

    Antonio Buonocore — IX 2014

    Fotografia © Marco Ghidelli

    Antonio Buonocore — IX 2014

    Fotografia © Marco Ghidelli

    Antonio Buonocore — IX 2014

    Fotografia © Marco Ghidelli

    Antonio Buonocore — IX 2014

    Fotografia © Marco Ghidelli

    Antonio Buonocore — IX 2014

    Fotografia © Marco Ghidelli

    Antonio Buonocore — IX 2014

    Fotografia © Marco Ghidelli

    Antonio Buonocore — IX 2014

    Fotografia © Marco Ghidelli

    Antonio Buonocore — IX 2014

    Fotografia © Marco Ghidelli

    Antonio Buonocore — IX 2014

    Fotografia © Marco Ghidelli

    Antonio Buonocore — IX 2014

    Fotografia © Marco Ghidelli

    Antonio Buonocore — IX 2014

    Fotografia © Marco Ghidelli

    Antonio Buonocore — IX 2014

    Fotografia © Marco Ghidelli

    Antonio Buonocore — IX 2014

    Fotografia © Marco Ghidelli

    Antonio Buonocore — IX 2014

    Fotografia © Marco Ghidelli

    Antonio Buonocore — IX 2014

    Fotografia © Marco Ghidelli

    Antonio Buonocore — IX 2014

    Fotografia © Marco Ghidelli

    Antonio Buonocore — IX 2014

    Fotografia © Marco Ghidelli

    Antonio Buonocore — IX 2014

    Fotografia © Marco Ghidelli

    Antonio Buonocore — IX 2014

    Fotografia © Marco Ghidelli

    Antonio Buonocore — IX 2014

    Fotografia © Marco Ghidelli


    0 0

    Un giornalista racconta la il suo mestiere e utilizza degli elementi rossi per spiegare quanto sia difficile. La scenografia viene riprodotta all’interno di un acquario in cui si muove un pesciolino rosso: come il protagonista, si muove all’interno di uno spazio fluido ma minimo.

    Antonio Buonocore — SCENOGRAFIA XII 2013

    Fotografia © Marco Ghidelli

    Regia: Roberto Solofria Attore in foto: Antimo Navarra

    Antonio Buonocore — SCENOGRAFIA XII 2013

    ©

    Antonio Buonocore — SCENOGRAFIA XII 2013

    Fotografia © Marco Ghidelli

    Antonio Buonocore — SCENOGRAFIA XII 2013

    Fotografia © Marco Ghidelli


    0 0

    Si tratta del progetto preliminare della bella Casa di due miei carissimi Amici qui Napoli ai Colli Aminei, lavoro progettuale sviluppato con modalità low cost e nato per essere velocemente messo in atto in cantiere ma poi rimasto solo sulla carta per dare spazio ad una trasformazione ancor più semplice e sostenibile di natura fondamentalmente ordinaria…

    Architetto Giacomo Procino — …Casa C | concept 02…

    Render_1

    …Augurando ogni Bene a Giovanna e Giuseppe e i loro piccoli…

    Architetto Giacomo Procino — …Casa C | concept 02…

    Render_2

    …Ad Maiora…Arch. Giacomo.

    Architetto Giacomo Procino — …Casa C | concept 02…

    Render_3

    Architetto Giacomo Procino — …Casa C | concept 02…

    Render_4

    Architetto Giacomo Procino — …Casa C | concept 02…

    Render_5


    0 0

    Dieci strutture in ferro che sono giocatori di calcio, prigionieri, diventano un treno, ostacoli, pareti, cornici. Storia di un allenatore ebreo ai tempi del nazismo.

    Antonio Buonocore — SCENOGRAFIA IV 2014

    Fotografia © Marco Ghidelli

    Regista: Rosario Lerro Attore in foto: Roberto Solofria

    Antonio Buonocore — SCENOGRAFIA IV 2014

    Fotografia © Marco Ghidelli

    Antonio Buonocore — SCENOGRAFIA IV 2014

    Fotografia © Marco Ghidelli

    Antonio Buonocore — SCENOGRAFIA IV 2014

    Fotografia © Marco Ghidelli


    0 0

    Bernardina Pisa, rivoluzionaria napoletana, si muove all’interno di una scena buia, illuminata solo da candele. Tutto si scorge: tessuti bianchi carichi di chiaroscuro, strutture che reggono le candele, e una croce.

    Antonio Buonocore — SCENOGRAFIA III 2012

    Fotografia © Marco Ghidelli

    Regista: Roberto Solofria Attrice in scena: Ilaria Delli Paoli

    Antonio Buonocore — SCENOGRAFIA III 2012

    Fotografia © Marco Ghidelli

    Antonio Buonocore — SCENOGRAFIA III 2012

    Fotografia © Marco Ghidelli

    Antonio Buonocore — SCENOGRAFIA III 2012

    Fotografia © Marco Ghidelli


    0 0

    Una scatola da cui escono marionette e teste parlanti, tre casse in continuo movimento, uno specchio che si apre, un arcolaio che si illumina…un sogno colorato di verde.

    Antonio Buonocore — SCENOGRAFIA X 2013

    Fotografia © Marco Ghidelli

    Antonio Buonocore — SCENOGRAFIA X 2013

    Fotografia © Marco Ghidelli

    Antonio Buonocore — SCENOGRAFIA X 2013

    Fotografia © Marco Ghidelli

    Antonio Buonocore — SCENOGRAFIA X 2013

    Fotografia © Marco Ghidelli


    0 0

    Private apartment _ renovation and interior design

    cristiana vannini — Private Apartment_LPC

    cristiana vannini — Private Apartment_LPC

    cristiana vannini — Private Apartment_LPC

    cristiana vannini — Private Apartment_LPC

    cristiana vannini — Private Apartment_LPC

    cristiana vannini — Private Apartment_LPC

    cristiana vannini — Private Apartment_LPC

    cristiana vannini — Private Apartment_LPC

    cristiana vannini — Private Apartment_LPC

    cristiana vannini — Private Apartment_LPC

    cristiana vannini — Private Apartment_LPC

    cristiana vannini — Private Apartment_LPC


    0 0

    Private apartment _ renovation and interior design

    cristiana vannini — Private Apartment_MNG

    cristiana vannini — Private Apartment_MNG

    cristiana vannini — Private Apartment_MNG

    cristiana vannini — Private Apartment_MNG

    cristiana vannini — Private Apartment_MNG

    cristiana vannini — Private Apartment_MNG

    cristiana vannini — Private Apartment_MNG

    cristiana vannini — Private Apartment_MNG

    cristiana vannini — Private Apartment_MNG

    cristiana vannini — Private Apartment_MNG

    cristiana vannini — Private Apartment_MNG

    cristiana vannini — Private Apartment_MNG

    cristiana vannini — Private Apartment_MNG

    cristiana vannini — Private Apartment_MNG

    cristiana vannini — Private Apartment_MNG

    cristiana vannini — Private Apartment_MNG

    cristiana vannini — Private Apartment_MNG

    cristiana vannini — Private Apartment_MNG

    cristiana vannini — Private Apartment_MNG

    cristiana vannini — Private Apartment_MNG


    0 0

    Private apartment_renovation and interior design

    cristiana vannini — Private Apartment_BRA

    cristiana vannini — Private Apartment_BRA

    cristiana vannini — Private Apartment_BRA

    cristiana vannini — Private Apartment_BRA

    cristiana vannini — Private Apartment_BRA

    cristiana vannini — Private Apartment_BRA

    cristiana vannini — Private Apartment_BRA

    cristiana vannini — Private Apartment_BRA

    cristiana vannini — Private Apartment_BRA

    cristiana vannini — Private Apartment_BRA

    cristiana vannini — Private Apartment_BRA

    cristiana vannini — Private Apartment_BRA

    cristiana vannini — Private Apartment_BRA


older | 1 | .... | 475 | 476 | (Page 477) | 478 | 479 | .... | 567 | newer