Are you the publisher? Claim or contact us about this channel


Embed this content in your HTML

Search

Report adult content:

click to rate:

Account: (login)

More Channels


Showcase


Channel Catalog


Channel Description:

Divisare - Projects Latest Updates

older | 1 | .... | 528 | 529 | (Page 530) | 531 | 532 | .... | 567 | newer

    0 0

    The project site is located in Kleivan, Vestvagoy Municipality, Lofoten. North of the Polar Circle, the Lofoten islands stretch about 250 km S-SW, from the fjord of Ofoten to the outer Roest islands. The line of islands builds up to 1100 m high wall of mountains and cliffs on the north side of the Vestfjord.

    Matteo Lomaglio, Prof. Arch. Christian Hermansen, Dr.Ing. Solveig Sandness, Arch. Marcin Wojcik, Tommy Degerth, Emiel Vercruysse, Michelle Schneider, Ines Bendelac, Jon Mannsåker, Anna Rosa Strassegger, Ida Helene Holm Mjelde, Miguel Saludas, Sigrid Bergitte Gilberg, Marianna Laurila, Lodewijk Luken, Maria Årthun, Une Tangen Rekstad, Eline Egeland, Irene De Santos , Bruguers Gallego-Guiu, Mathilde Azriel, Matteo Grometto, Thea Andrea Jetmundsen, Jonas Aarre Sommarset, Kristina Skarphol — The Bands

    The site of the project in Kleivan is on a quay containing three existing buildings: a fisherman’s cottage, a cod liver oil production building, and a cod salting building which were part of a now abandoned fishing village. These buildings date back to the early 1900s and are considered historically important because they are the remains of a form of life prevalent in this region which has ceased to exist. For these reasons the quay and three buildings have been listed in the “Cultural Heritage Plan for Lofoten” adopted by Nordland county in 2007.

    Matteo Lomaglio, Prof. Arch. Christian Hermansen, Dr.Ing. Solveig Sandness, Arch. Marcin Wojcik, Tommy Degerth, Emiel Vercruysse, Michelle Schneider, Ines Bendelac, Jon Mannsåker, Anna Rosa Strassegger, Ida Helene Holm Mjelde, Miguel Saludas, Sigrid Bergitte Gilberg, Marianna Laurila, Lodewijk Luken, Maria Årthun, Une Tangen Rekstad, Eline Egeland, Irene De Santos , Bruguers Gallego-Guiu, Mathilde Azriel, Matteo Grometto, Thea Andrea Jetmundsen, Jonas Aarre Sommarset, Kristina Skarphol — The Bands

    The project is located at the end of the quay aiming for a sensitive relation with the landscape and a direct contact with the water. All the facilities are contained in a folding system of three bands. The program consists of four separated areas. In the north side, the bands emerge from the rocks and lead to a hot/cold tub and rest area.

    Matteo Lomaglio, Prof. Arch. Christian Hermansen, Dr.Ing. Solveig Sandness, Arch. Marcin Wojcik, Tommy Degerth, Emiel Vercruysse, Michelle Schneider, Ines Bendelac, Jon Mannsåker, Anna Rosa Strassegger, Ida Helene Holm Mjelde, Miguel Saludas, Sigrid Bergitte Gilberg, Marianna Laurila, Lodewijk Luken, Maria Årthun, Une Tangen Rekstad, Eline Egeland, Irene De Santos , Bruguers Gallego-Guiu, Mathilde Azriel, Matteo Grometto, Thea Andrea Jetmundsen, Jonas Aarre Sommarset, Kristina Skarphol — The Bands

    The sauna is created by the rising of the three bands that move independently, creating shifts and offsets that allow the light to come inside and generate the different spaces within it. The completely open front facade offers an exceptional view of landscape.

    Matteo Lomaglio, Prof. Arch. Christian Hermansen, Dr.Ing. Solveig Sandness, Arch. Marcin Wojcik, Tommy Degerth, Emiel Vercruysse, Michelle Schneider, Ines Bendelac, Jon Mannsåker, Anna Rosa Strassegger, Ida Helene Holm Mjelde, Miguel Saludas, Sigrid Bergitte Gilberg, Marianna Laurila, Lodewijk Luken, Maria Årthun, Une Tangen Rekstad, Eline Egeland, Irene De Santos , Bruguers Gallego-Guiu, Mathilde Azriel, Matteo Grometto, Thea Andrea Jetmundsen, Jonas Aarre Sommarset, Kristina Skarphol — The Bands

    Once the bands has wrapped the sauna, the lateral ones go down and advance close to the ground to generate the main terrace while the central band splits to result in a table and benches with integrated barbecue.

    Matteo Lomaglio, Prof. Arch. Christian Hermansen, Dr.Ing. Solveig Sandness, Arch. Marcin Wojcik, Tommy Degerth, Emiel Vercruysse, Michelle Schneider, Ines Bendelac, Jon Mannsåker, Anna Rosa Strassegger, Ida Helene Holm Mjelde, Miguel Saludas, Sigrid Bergitte Gilberg, Marianna Laurila, Lodewijk Luken, Maria Årthun, Une Tangen Rekstad, Eline Egeland, Irene De Santos , Bruguers Gallego-Guiu, Mathilde Azriel, Matteo Grometto, Thea Andrea Jetmundsen, Jonas Aarre Sommarset, Kristina Skarphol — The Bands

    In the lowest part of the quay the bands continue creating a fish-cleaning table and steps to connect the different heights.

    Matteo Lomaglio, Prof. Arch. Christian Hermansen, Dr.Ing. Solveig Sandness, Arch. Marcin Wojcik, Tommy Degerth, Emiel Vercruysse, Michelle Schneider, Ines Bendelac, Jon Mannsåker, Anna Rosa Strassegger, Ida Helene Holm Mjelde, Miguel Saludas, Sigrid Bergitte Gilberg, Marianna Laurila, Lodewijk Luken, Maria Årthun, Une Tangen Rekstad, Eline Egeland, Irene De Santos , Bruguers Gallego-Guiu, Mathilde Azriel, Matteo Grometto, Thea Andrea Jetmundsen, Jonas Aarre Sommarset, Kristina Skarphol — The Bands

    Matteo Lomaglio, Prof. Arch. Christian Hermansen, Dr.Ing. Solveig Sandness, Arch. Marcin Wojcik, Tommy Degerth, Emiel Vercruysse, Michelle Schneider, Ines Bendelac, Jon Mannsåker, Anna Rosa Strassegger, Ida Helene Holm Mjelde, Miguel Saludas, Sigrid Bergitte Gilberg, Marianna Laurila, Lodewijk Luken, Maria Årthun, Une Tangen Rekstad, Eline Egeland, Irene De Santos , Bruguers Gallego-Guiu, Mathilde Azriel, Matteo Grometto, Thea Andrea Jetmundsen, Jonas Aarre Sommarset, Kristina Skarphol — The Bands

    Matteo Lomaglio, Prof. Arch. Christian Hermansen, Dr.Ing. Solveig Sandness, Arch. Marcin Wojcik, Tommy Degerth, Emiel Vercruysse, Michelle Schneider, Ines Bendelac, Jon Mannsåker, Anna Rosa Strassegger, Ida Helene Holm Mjelde, Miguel Saludas, Sigrid Bergitte Gilberg, Marianna Laurila, Lodewijk Luken, Maria Årthun, Une Tangen Rekstad, Eline Egeland, Irene De Santos , Bruguers Gallego-Guiu, Mathilde Azriel, Matteo Grometto, Thea Andrea Jetmundsen, Jonas Aarre Sommarset, Kristina Skarphol — The Bands

    Matteo Lomaglio, Prof. Arch. Christian Hermansen, Dr.Ing. Solveig Sandness, Arch. Marcin Wojcik, Tommy Degerth, Emiel Vercruysse, Michelle Schneider, Ines Bendelac, Jon Mannsåker, Anna Rosa Strassegger, Ida Helene Holm Mjelde, Miguel Saludas, Sigrid Bergitte Gilberg, Marianna Laurila, Lodewijk Luken, Maria Årthun, Une Tangen Rekstad, Eline Egeland, Irene De Santos , Bruguers Gallego-Guiu, Mathilde Azriel, Matteo Grometto, Thea Andrea Jetmundsen, Jonas Aarre Sommarset, Kristina Skarphol — The Bands

    Matteo Lomaglio, Prof. Arch. Christian Hermansen, Dr.Ing. Solveig Sandness, Arch. Marcin Wojcik, Tommy Degerth, Emiel Vercruysse, Michelle Schneider, Ines Bendelac, Jon Mannsåker, Anna Rosa Strassegger, Ida Helene Holm Mjelde, Miguel Saludas, Sigrid Bergitte Gilberg, Marianna Laurila, Lodewijk Luken, Maria Årthun, Une Tangen Rekstad, Eline Egeland, Irene De Santos , Bruguers Gallego-Guiu, Mathilde Azriel, Matteo Grometto, Thea Andrea Jetmundsen, Jonas Aarre Sommarset, Kristina Skarphol — The Bands

    Matteo Lomaglio, Prof. Arch. Christian Hermansen, Dr.Ing. Solveig Sandness, Arch. Marcin Wojcik, Tommy Degerth, Emiel Vercruysse, Michelle Schneider, Ines Bendelac, Jon Mannsåker, Anna Rosa Strassegger, Ida Helene Holm Mjelde, Miguel Saludas, Sigrid Bergitte Gilberg, Marianna Laurila, Lodewijk Luken, Maria Årthun, Une Tangen Rekstad, Eline Egeland, Irene De Santos , Bruguers Gallego-Guiu, Mathilde Azriel, Matteo Grometto, Thea Andrea Jetmundsen, Jonas Aarre Sommarset, Kristina Skarphol — The Bands

    Matteo Lomaglio, Prof. Arch. Christian Hermansen, Dr.Ing. Solveig Sandness, Arch. Marcin Wojcik, Tommy Degerth, Emiel Vercruysse, Michelle Schneider, Ines Bendelac, Jon Mannsåker, Anna Rosa Strassegger, Ida Helene Holm Mjelde, Miguel Saludas, Sigrid Bergitte Gilberg, Marianna Laurila, Lodewijk Luken, Maria Årthun, Une Tangen Rekstad, Eline Egeland, Irene De Santos , Bruguers Gallego-Guiu, Mathilde Azriel, Matteo Grometto, Thea Andrea Jetmundsen, Jonas Aarre Sommarset, Kristina Skarphol — The Bands

    Matteo Lomaglio, Prof. Arch. Christian Hermansen, Dr.Ing. Solveig Sandness, Arch. Marcin Wojcik, Tommy Degerth, Emiel Vercruysse, Michelle Schneider, Ines Bendelac, Jon Mannsåker, Anna Rosa Strassegger, Ida Helene Holm Mjelde, Miguel Saludas, Sigrid Bergitte Gilberg, Marianna Laurila, Lodewijk Luken, Maria Årthun, Une Tangen Rekstad, Eline Egeland, Irene De Santos , Bruguers Gallego-Guiu, Mathilde Azriel, Matteo Grometto, Thea Andrea Jetmundsen, Jonas Aarre Sommarset, Kristina Skarphol — The Bands

    Matteo Lomaglio, Prof. Arch. Christian Hermansen, Dr.Ing. Solveig Sandness, Arch. Marcin Wojcik, Tommy Degerth, Emiel Vercruysse, Michelle Schneider, Ines Bendelac, Jon Mannsåker, Anna Rosa Strassegger, Ida Helene Holm Mjelde, Miguel Saludas, Sigrid Bergitte Gilberg, Marianna Laurila, Lodewijk Luken, Maria Årthun, Une Tangen Rekstad, Eline Egeland, Irene De Santos , Bruguers Gallego-Guiu, Mathilde Azriel, Matteo Grometto, Thea Andrea Jetmundsen, Jonas Aarre Sommarset, Kristina Skarphol — The Bands

    Matteo Lomaglio, Prof. Arch. Christian Hermansen, Dr.Ing. Solveig Sandness, Arch. Marcin Wojcik, Tommy Degerth, Emiel Vercruysse, Michelle Schneider, Ines Bendelac, Jon Mannsåker, Anna Rosa Strassegger, Ida Helene Holm Mjelde, Miguel Saludas, Sigrid Bergitte Gilberg, Marianna Laurila, Lodewijk Luken, Maria Årthun, Une Tangen Rekstad, Eline Egeland, Irene De Santos , Bruguers Gallego-Guiu, Mathilde Azriel, Matteo Grometto, Thea Andrea Jetmundsen, Jonas Aarre Sommarset, Kristina Skarphol — The Bands

    Matteo Lomaglio, Prof. Arch. Christian Hermansen, Dr.Ing. Solveig Sandness, Arch. Marcin Wojcik, Tommy Degerth, Emiel Vercruysse, Michelle Schneider, Ines Bendelac, Jon Mannsåker, Anna Rosa Strassegger, Ida Helene Holm Mjelde, Miguel Saludas, Sigrid Bergitte Gilberg, Marianna Laurila, Lodewijk Luken, Maria Årthun, Une Tangen Rekstad, Eline Egeland, Irene De Santos , Bruguers Gallego-Guiu, Mathilde Azriel, Matteo Grometto, Thea Andrea Jetmundsen, Jonas Aarre Sommarset, Kristina Skarphol — The Bands

    Matteo Lomaglio, Prof. Arch. Christian Hermansen, Dr.Ing. Solveig Sandness, Arch. Marcin Wojcik, Tommy Degerth, Emiel Vercruysse, Michelle Schneider, Ines Bendelac, Jon Mannsåker, Anna Rosa Strassegger, Ida Helene Holm Mjelde, Miguel Saludas, Sigrid Bergitte Gilberg, Marianna Laurila, Lodewijk Luken, Maria Årthun, Une Tangen Rekstad, Eline Egeland, Irene De Santos , Bruguers Gallego-Guiu, Mathilde Azriel, Matteo Grometto, Thea Andrea Jetmundsen, Jonas Aarre Sommarset, Kristina Skarphol — The Bands

    Matteo Lomaglio, Prof. Arch. Christian Hermansen, Dr.Ing. Solveig Sandness, Arch. Marcin Wojcik, Tommy Degerth, Emiel Vercruysse, Michelle Schneider, Ines Bendelac, Jon Mannsåker, Anna Rosa Strassegger, Ida Helene Holm Mjelde, Miguel Saludas, Sigrid Bergitte Gilberg, Marianna Laurila, Lodewijk Luken, Maria Årthun, Une Tangen Rekstad, Eline Egeland, Irene De Santos , Bruguers Gallego-Guiu, Mathilde Azriel, Matteo Grometto, Thea Andrea Jetmundsen, Jonas Aarre Sommarset, Kristina Skarphol — The Bands


    0 0

    competition proposal for the transformation of an old sports complex in porto.

    fala — a garden with white walls

    fala — a garden with white walls

    fala — a garden with white walls

    fala — a garden with white walls

    fala — a garden with white walls

    fala — a garden with white walls


    0 0
  • 06/21/15--05:38: cultural center - fala
  • competition proposal for a cultural center in bamyian.

    fala — cultural center

    fala — cultural center

    fala — cultural center

    fala — cultural center

    fala — cultural center

    fala — cultural center

    fala — cultural center


    0 0
  • 06/21/15--05:45: elementary school - fala
  • competition proposal for a new elementary school in vaulruz.

    fala — elementary school

    fala — elementary school

    fala — elementary school

    fala — elementary school

    fala — elementary school

    fala — elementary school

    fala — elementary school

    fala — elementary school

    fala — elementary school


    0 0
  • 06/21/15--08:52: elementary school - fala
  • competition proposal for a new elementary school in romont.

    fala — elementary school

    fala — elementary school

    fala — elementary school

    fala — elementary school

    fala — elementary school

    fala — elementary school

    fala — elementary school

    fala — elementary school


    0 0
  • 06/21/15--09:00: school gymnasium - fala
  • competition proposal for a new elementary school gymnasium in yverdon.

    fala — school gymnasium

    fala — school gymnasium

    fala — school gymnasium

    fala — school gymnasium

    fala — school gymnasium

    fala — school gymnasium

    fala — school gymnasium


    0 0
  • 06/21/15--09:06: furniture - fala
  • furniture series for the principe real apartment.

    fala — furniture

    fala — furniture

    fala — furniture

    fala — furniture

    fala — furniture

    fala — furniture

    fala — furniture


    0 0
  • 06/21/15--09:10: folly - fala
  • project for a folly in new york.

    fala — folly

    fala — folly


    0 0
  • 06/21/15--09:12: generic housing - fala
  • project proposal for the urban renewal of ljubljana.

    fala — generic housing

    fala — generic housing

    fala — generic housing

    fala — generic housing

    fala — generic housing

    fala — generic housing

    fala — generic housing

    fala — generic housing


    0 0

    Le Torri “Kelly” rappresentano due parallelepipedi puri scanditi dagli interpiani che ne definiscono l’altezza. Il ritmo della facciata è dato dalla struttura dei solai sui quali si innestano le strutture in acciaio della vetrata.

    Piero Speranza, Corinne Piera Speranza, sas&a - studio di architettura speranza associati — Kelly Towers

    Piero Speranza, Corinne Piera Speranza, sas&a - studio di architettura speranza associati — Kelly Towers

    Piero Speranza, Corinne Piera Speranza, sas&a - studio di architettura speranza associati — Kelly Towers

    Piero Speranza, Corinne Piera Speranza, sas&a - studio di architettura speranza associati — Kelly Towers

    Piero Speranza, Corinne Piera Speranza, sas&a - studio di architettura speranza associati — Kelly Towers

    Piero Speranza, Corinne Piera Speranza, sas&a - studio di architettura speranza associati — Kelly Towers

    Piero Speranza, Corinne Piera Speranza, sas&a - studio di architettura speranza associati — Kelly Towers

    Piero Speranza, Corinne Piera Speranza, sas&a - studio di architettura speranza associati — Kelly Towers

    Piero Speranza, Corinne Piera Speranza, sas&a - studio di architettura speranza associati — Kelly Towers

    Piero Speranza, Corinne Piera Speranza, sas&a - studio di architettura speranza associati — Kelly Towers

    Piero Speranza, Corinne Piera Speranza, sas&a - studio di architettura speranza associati — Kelly Towers


    0 0

    Concorso di idee per la realizzazione di tre edifici sperimentali ad uso residenziale a diversa prestazione energetica.

    matteo pettenuzzo — 3 edifici sperimentali ad uso residenziale a diversa prestazione energetica. Padova


    0 0

    La piazza dell’Isolotto, nella sua concezione attuale, ricalca canoni progettuali e organizzativi ormai desueti e lontani dal vivere comune, sicuramente lontani da quella vita di quartiere che tanto caratterizza questa porzione di città. È per questo che si è deciso di ampliare notevolmente la superficie pedonale della piazza, rendendola tutta accessibile ai soli pedoni e ricollocando traffico e parcheggi altrove, in una zona limitrofa, in via delle Magnolie, ugualmente comoda ma meno invasiva. L’impianto carrabile è stato comunque mantenuto per consentire il passaggio ai mezzi dedicati al mercato. La piazza genera in questo modo una continuità di fruizione con il Viale dei bambini e le aree verdi attrezzate, con i portici che ospitano il commercio di vicinato, con il sagrato della Chiesa di Santa Maria Madre delle Grazie e viale dei Pini. L’accessibilità alla Chiesa ed al Teatro della Fiaba è garantito da una rampa morbida, integrata completamente nel progetto complessivo. Tutta la piazza inoltre risulterà priva di barriere architettoniche, poiché tutta alla stessa quota. Inoltre gli spazi verdi saranno implementati anche con nuovi alberi

    Luca Barontini, Eutropia, Alessio Bonvini — "Il Sogno di una città umanizzante"

    Luca Barontini, Eutropia, Alessio Bonvini — "Il Sogno di una città umanizzante"

    Luca Barontini, Eutropia, Alessio Bonvini — "Il Sogno di una città umanizzante"

    Luca Barontini, Eutropia, Alessio Bonvini — "Il Sogno di una città umanizzante"

    Luca Barontini, Eutropia, Alessio Bonvini — "Il Sogno di una città umanizzante"

    Luca Barontini, Eutropia, Alessio Bonvini — "Il Sogno di una città umanizzante"

    Luca Barontini, Eutropia, Alessio Bonvini — "Il Sogno di una città umanizzante"

    Luca Barontini, Eutropia, Alessio Bonvini — "Il Sogno di una città umanizzante"

    Luca Barontini, Eutropia, Alessio Bonvini — "Il Sogno di una città umanizzante"

    Luca Barontini, Eutropia, Alessio Bonvini — "Il Sogno di una città umanizzante"

    Luca Barontini, Eutropia, Alessio Bonvini — "Il Sogno di una città umanizzante"

    Luca Barontini, Eutropia, Alessio Bonvini — "Il Sogno di una città umanizzante"


    0 0

    “Corde innocenti”è un sistema modulare di attrezzature per lo spazio pubblico. I tubi Innocenti, materiale economico e di facile reperimento nel mercato delle attrezzature edili in disuso, sono usati come elemento strutturale dei moduli, intelaiatura ossea facilmente assemblabile, versatile e resistente. Alle corde intrecciate è destinato invece il ruolo di novella membrana semperiana, separazione e appoggio per spazi e funzioni. La tettonica elementare e arcaica, fatta di giunti e nodi, incastri e tessiture, rivive in una moderna declinazione dello spazio urbano, capace dirivitalizzare, sia in termini formali che funzionali, spazialità povere e contesti disarmonici.

    Luca Di Carlo, Valerio Ciaccia, Alfredo D’Orso — Corde Innocenti

    Tutti i moduli hanno dimensione costante, cubi di lato 3m, e la loro composizione, in pianta quanto in elevazione, è volutamente libera di adattarsi, quasi auto-determinandosi, agli spazi in cui il progetto s’inserisce. In quest’ottica, le diverse funzioni dello spazio pubblico dialogano in un incastro vivace, pensato per includere le diverse categorie di utenti e innescare così quel processo “auto-rinforzante” della vita dello spazio pubblico per cui “qualcosa accade perché qualcos’altro accade”.

    Luca Di Carlo, Valerio Ciaccia, Alfredo D’Orso — Corde Innocenti

    I moduli

    Questa ricchezza d’interazioni, fatta d’incontri, contatti, relazioni, stimoli, è sostenuta da un concept formale e costruttivo semplice, che ne facilita la realizzazione con meccanismi partecipativi di auto-costruzione. A questo scopo ogni scelta progettuale si muove nei confini di un’economicità evidente rispetto agli elementi di arredo urbano tradizionali, laddove ciò non significa rinunciare alla qualità architettonica, sia in termini di spazialità che di fruizione, alla durevolezza e a una facile manutenzione.

    Luca Di Carlo, Valerio Ciaccia, Alfredo D’Orso — Corde Innocenti

    I moduli

    Versatilità, modularità, economicità, sostenibilità, facilità di realizzazione e un’eleganza fondata sull’innegabile poeticità, di sapore post-industriale, che ha la nobilitazione architettonica di materiali ‘volgari’ nati per altri scopi: “Corde innocenti”è la risposta al kitsch nostalgico delle panchine in ghisa e all’algida modernità degli arredi in cemento; strumento –e non fine- di un’architettura al servizio della socialità e della vivacità dello spazio pubblico.

    Luca Di Carlo, Valerio Ciaccia, Alfredo D’Orso — Corde Innocenti


    0 0

    Concorso di idee: progetto di casa per i paesi del mediterraneo

    matteo pettenuzzo — Concorso di idee: progetto di casa per i paesi del mediterraneo


    0 0

    Our proposal at Chyne looks to create a simple and elegant solution for a growing town whilst catering to the evolving needs of a small community. Our solution proposes not only a school but a civic structure with a series of functions that can easily adapt to different users at varying times of the day and year. We have broken the brief down into a family of buildings all able to function independently or as a group, tied together by the landscape, external spaces and a unifying roof sheltering the whole site.

    roupen yacoubian — Chyne New School

    South East External View

    The building geometry has evolved form the idea that it should be able to act as an introverted secure space for the school as well as an extroverted welcoming anchor for the community. This duality can only be created effectively through an object large enough to accommodate both seemingly conflicting uses.

    roupen yacoubian — Chyne New School

    Student Courtyard Entrance

    During the day the building acts as an introverted structure, allowing the children to be free within the confines of the buildings and central square and maximising the central courtyard for alternative pedagogical methods, external teaching, sports, horticulture, local animals/ wildlife, children playing and other activities.

    roupen yacoubian — Chyne New School

    Raised Courtyard View

    During the night the building transforms into an extroverted structure by allowing the community to access all the school facilities from the external permeable perimeter. Bringing to life the various buildings depending on the needs or requirements of the users and community.

    roupen yacoubian — Chyne New School

    Block Model

    As the building will become the new focal point in this small town We are very interested in how the building can accommodate ‘special occasions’ such as new year or local festivals and events. The building in this instance becomes a protecting roof, allowing the community to inhabit the entire site by opening up the base of the structure creating a free flowing space from the front to the rear of the site and allowing the site to be inhabited in an almost anarchical manner. This is when the building truly becomes a community centre bringing together the entire town to meet and celebrate under one protecting roof.

    roupen yacoubian — Chyne New School

    Site Plan

    roupen yacoubian — Chyne New School

    Raised Ground Floor Plan

    roupen yacoubian — Chyne New School

    Lower Ground Floor Plan

    roupen yacoubian — Chyne New School

    Roof Plan

    roupen yacoubian — Chyne New School

    Elevations + Section


    0 0

    Nuova sede municipale e servizi collettivi con creazione di piazza pubblica

    matteo pettenuzzo — Nuova sede municipale e servizi collettivi con creazione di piazza pubblica


    0 0

    Questo progetto di architettura attua il riuso della Fabbrica Saviotti, un’officina che produceva forni industriali, edificata a Milano all’inizio degli anni ‘50, rimasta poi abbandonata dopo la morte del fondatore. La funzione che ha assunto l’edificio dopo la riconversione è quella di ospitare lo spazio coworking “Unità di Produzione”. L’approccio progettuale è di natura urbana: nel grande e vuoto capannone sono stati innestati elementi architettonici volti alla ricerca di una complessità spaziale che produce un processo di scoperta del luogo graduale e al tempo stesso enfatizzata. Così mentre originariamente già dall’ingresso lo sguardo percorreva il capannone nella sua interezza, un nuovo soppalco sbarra la vista creando un rallentamento nel disvelamento dello spazio, una sorta di vestibolo che protegge l’area più interna dell’ufficio. Su questo spazio di ingresso troneggia il carroponte originale ancora funzionante. Originariamente i forni industriali venivano montati parzialmente nel capannone e poi assemblati definitivamente nell’androne, unico ambiente servito da carroponte. Autentici giganti d’acciaio venivano issati sui camion proprio nel punto più stretto di tutto l’edificio! L’immagine di queste meravigliose scatole d’acciaio sospese ha scaturito l’idea di costruire dei soppalchi in guisa di scatole d’acciaio sospese a mezz’aria. Solo in prossimità delle due scale toccano terra con il primo gradino mentre gli ambienti sottostanti, che racchiudono i bagni, la cucina e altri ambienti di servizio, sono chiusi da astratte vetrate biancolatte. Passati sotto il basso varco del primo soppalco si apre la grande aula voltata che in tutta la sua luminositàè paragonabile ad uno spazio aperto, ad una piazza. La campata industriale che sorregge la volta è segnata dalla scansione delle catene preesistenti che divengono l’elemento generatore della forma: i soppalchi sono dei vassoi che iniziano e finiscono in corrispondenza della prima e dell’ultima catena. La promenade architecturale continua attraverso una scala d’acciaio d’accesso al secondo soppalco, concepita come una soglia in cui lo spazio ancora una volta si concentra prima di aprirsi nuovamente nella luminosa sala riunioni. Questa è dominata da un grande tavolo costruito con gli stessi elementi di cui è composta l’architettura e da un’astratta corte-giardino ribaltata in verticale, uno sfondamento prospettico verso i giardini circostanti controllato nelle visuali da lamelle di vetro acidato verticali. Quelli che originariamente erano gli uffici della fabbrica sono stati convertiti in un piccolo appartamento destinato agli ospiti stranieri del coworking.

    Nicola Brembilla / HYPNOS  — Unità di Produzione

    L’approccio estetico con cui si è affrontato il restauro dell’edificio è volutamente critico rispetto alla moda imperante di rendere le preesistenze il più possibile decadenti e dèlabrè per creare “contrasto” con il nuovo innesto architettonico. Qui tutte le murature preesistenti sono state risanate e imbiancate, come avrebbe fatto chiunque nel caso l’edificio fosse stato nuovamente adibito ad attività industriali.

    Nicola Brembilla / HYPNOS  — Unità di Produzione

    Nicola Brembilla / HYPNOS  — Unità di Produzione

    Nicola Brembilla / HYPNOS  — Unità di Produzione

    Nicola Brembilla / HYPNOS  — Unità di Produzione

    Nicola Brembilla / HYPNOS  — Unità di Produzione

    Nicola Brembilla / HYPNOS  — Unità di Produzione

    Nicola Brembilla / HYPNOS  — Unità di Produzione

    Nicola Brembilla / HYPNOS  — Unità di Produzione

    Nicola Brembilla / HYPNOS  — Unità di Produzione

    Nicola Brembilla / HYPNOS  — Unità di Produzione

    Nicola Brembilla / HYPNOS  — Unità di Produzione

    Nicola Brembilla / HYPNOS  — Unità di Produzione

    Nicola Brembilla / HYPNOS  — Unità di Produzione

    Nicola Brembilla / HYPNOS  — Unità di Produzione

    Nicola Brembilla / HYPNOS  — Unità di Produzione

    Nicola Brembilla / HYPNOS  — Unità di Produzione

    Nicola Brembilla / HYPNOS  — Unità di Produzione

    Nicola Brembilla / HYPNOS  — Unità di Produzione

    Nicola Brembilla / HYPNOS  — Unità di Produzione

    Nicola Brembilla / HYPNOS  — Unità di Produzione

    Nicola Brembilla / HYPNOS  — Unità di Produzione


    0 0

    Il progetto del mercato rionale ha come oggetto ispiratore il simbolo araldico della Città di Firenze: il Giglio. La base per la forma planimetrica della copertura del mercato è dunque, quella del giglio stilizzato, con una parte centrale esile che corrisponde allo stelo e una più ampia, il fiore vero e proprio. Ai lati di questa struttura sono presenti altre due aree che corrispondono ai petali laterali del fiore. Dentro questa forma sono distribuiti gli spazi per gli operatori del mercato, nelle dimensioni, forme, numero e uso previsto dal programma di concorso. L’organizzazione del mercato prevede di posizionare gli spazi più grandi che vendono generi vari (GV) sul perimetro del fiore centrale, gli imprenditori agricoli (IA) al centro del fiore stesso, mentre gli alimentari (A), sono stati distribuiti tra lo stelo (3) e il petalo a sud (3). Il petalo nord invece è occupato dagli esercenti fissi: il rivenditore di panini, il fiorista e l’edicola. Qui è posta anche la cabina telefonica che è stata spostata rispetto alla posizione originaria. Il posto al coperto, anche per i commercianti non ambulanti (fiorista, paninoteca e edicola), permetterà agli acquirenti di accedervi anche durante i giorni di pioggia. Siccome i commercianti non ambulanti dovranno, comunque, essere ricollocati all’interno dell’area di vendita, “il progetto propone” di ricostruire i negozi in modo da essere architettonicamente integrati con la struttura della copertura del mercato. Pertanto, si propone la realizzazione del negozio del fiorista con tre pareti vetrate come vetrine compresa quella d’ingresso e una cieca realizzata con pannelli sandwich in lamiera grecata bianca e internamente con pannello di poliuretano da 10 cm. Anche le vetrine dovranno essere isolanti come pure la copertura realizzata con la medesima lamiera delle pareti. L’edicola, che ha bisogno di una maggiore superficie espositiva, avrà anche la parete opaca dotata di una vetrina per l’esposizione dei giornali e delle riviste. Il rivenditore di panini a differenza dei due chioschi precedenti avrà tre pareti opache e una con adeguato spazio per la vendita del prodotto commercializzato e sul retro una porta per l’ingresso al posto di lavoro. In fase di proposta il Comune di Firenze potrebbe dare in concessione ai titolari dei tre esercizi parte del suolo pubblico adiacente ai loro chioschi per posizionare anche all’esterno delle strutture parte della loro merce e nel caso del rivenditore di panini anche qualche tavolino. Ciò garantirebbe una fruibilità della piazza anche durante le ore in cui non è previsto il mercato. La tettoia come detto garantisce agli esercenti e agli acquirenti di poter svolgere le loro attività al coperto. La dimensione interna tra gli spazi espositivi, è tale che ci si possa muovere con un furgone di grosse dimensioni, per permettere a tutti gli esercenti di raggiungere con facilità la loro posizione di vendita ed eseguire le necessarie manovre per il posizionamento del mezzo e dei banchi di vendita. Terminate le operazioni di posizionamento dei commercianti e dei loro mezzi, le aree di manovra saranno i corridoi utilizzate dai cittadini per accedere alle bancarelle del mercato. L’ingresso carraio all’area di mercato avviene da Lungarno dei Pioppi e attraversando il parcheggio pubblico, si raggiunge la zona di mercato che è posizionata sull’angolo nord-ovest della piazza dell’Isolotto di fronte alla chiesa. Tra i petali del giglio e la pista ciclopedonale, si formano due aree, destinate a verde pubblico in cui sono state ricollocate le piante esistenti in questa zona e integrate con delle nuove. Tra la chiesa e la piazza, come accennato è stata frapposta la pista ciclopedonale ed un’aiuola con siepe che delimitano l’area del sagrato della chiesa. Sarà possibile accedere al sagrato da tre punti differenti: due pedonali che giungono dalla piazza ed uno carraio ma di utilizzo esclusivo per ragioni di soccorso, dal viale delle Magnolie. Ponendo le spalle all’Arno nei pressi della passerella pedonale che collega il quartiere Isolotto con quello delle Cascine, è possibile individuare due assi visivi uno lungo viale delle Magnolie e l’altro che attraversa la piazza e giunge alla facciata della chiesa parrocchiale. Quest’ultimo ha condizionato la scelta progettuale, suggerendo di realizzare una copertura del mercato totalmente trasparente e dividere, come detto prima, la precedente area alberata in due parti poste agli angoli della piazza, liberando di fatto detto asse visivo. La copertura per poter essere il più trasparente possibile è stata pensata completamente in acciaio verniciato a caldo di colore bianco. La struttura formata da telai sorretti da pilastri a forma di Giglio (in questo caso solo la parte centrale del fiore), è costituita da travi inclinate che sorreggono la copertura in vetro antisfondamento/antigrandine e da una sottostruttura ad arco acuto che sorregge la precedente, tutto innestato sulla testa dei pilastri. Questi come detto hanno la forma a giglio e sono realizzati con due gigli fra loro ortogonali, permettendo in questo modo di sorreggere in una direzione la struttura principale e nella direzione opposta la struttura del timpano ortogonale alla direzione principale. In questo modo si genera una copertura a crociera che seguendo l’andamento in pianta della forma del giglio, origina dei triangoli irregolari tutti diversi fra loro che unendosi creano una struttura spaziale complessa, ma allo stesso modo visivamente leggera ed evanescente. Anche i petali laterali sono coperti da grandi arcate metalliche che sorreggono una struttura leggera formata da piatti metallici ancorati alla struttura portante e a loro volta sorreggono dei pannelli in vetro antigrandine a formare dei carapaci dematerializzati. La pavimentazione sia della piazza che della zona a parcheggio e della pista ciclopedonale, è in cemento gettato in opera e lisciato ma sufficientemente ruvido per evitare sdrucciolamento in caso di pioggia. La zona mercato e la pista ciclopedonale saranno ricoperte con della resina epossidica per pavimentazioni sportive esterne ed eseguite con colori differenti per la loro funzione. Magenta per la pavimentazione del mercato, con un inserto nel fiore centrale a forma di goccia colore azzurro, come a delimitare quasi un palco; giallo per la pista ciclabile mentre quella pedonale un rosso arancio.

    Gianluca Vergani — ISOLOTTO 60 ANNI

    Inquadramento generale del progetto - tavola 01 di progetto

    Gianluca Vergani — ISOLOTTO 60 ANNI

    Sviluppo del progetto architettonico e strutturale

    Gianluca Vergani — ISOLOTTO 60 ANNI

    Visione d'insieme del progetto

    Gianluca Vergani — ISOLOTTO 60 ANNI

    Vista dall'alto della copertura dell'area del mercato rionale

    Gianluca Vergani — ISOLOTTO 60 ANNI

    Vista aerea della copertura e del parcheggio adiacente

    Gianluca Vergani — ISOLOTTO 60 ANNI

    Vista centrale della copertura dell'area di mercato

    Gianluca Vergani — ISOLOTTO 60 ANNI

    Vista della piazza dell'Isolotto da via dei Pini

    Gianluca Vergani — ISOLOTTO 60 ANNI

    Vista notturna della piazza dell'Isolotto


    0 0
  • 06/24/15--08:01: Bird House - Thomas Raynaud
  • “Migrant Garden” is a non-profit project initiated and supported by the Politecnico di Milano, whose proceeds will be donated to charity projects in support of the environment. The installation consists of 40 bird nests, designed by 40 selected professionals. The models will be arranged in the Faculty campus garden in Piacenza. The 4 provided conferences planning to invite some Italian and international architects to exhibit their projects at the Faculty of Architecture of Piacenza of the Milan Polytechnic. Migrant Garden aims to promote an architectural culture attentive to issues of the environment, the landscape and the protection of cultural heritage. Migrant Garden supports the need for dialogue and debate within the Faculty of Architecture. Migrant Garden promotes culture as horizontal value. Migrant Garden highlights the need participation and proactivity by students within italian and international universities.

    Thomas Raynaud — Bird House


    0 0

    Proposta di riqualificazione della Piazza dell’Isolotto

    Davide Canali — Concorso di Progettazione per la Riqualificazione di Piazza dell'Isolotto

    Concept

    Davide Canali — Concorso di Progettazione per la Riqualificazione di Piazza dell'Isolotto

    Davide Canali — Concorso di Progettazione per la Riqualificazione di Piazza dell'Isolotto

    Davide Canali — Concorso di Progettazione per la Riqualificazione di Piazza dell'Isolotto

    Davide Canali — Concorso di Progettazione per la Riqualificazione di Piazza dell'Isolotto

    Davide Canali — Concorso di Progettazione per la Riqualificazione di Piazza dell'Isolotto

    Davide Canali — Concorso di Progettazione per la Riqualificazione di Piazza dell'Isolotto

    Davide Canali — Concorso di Progettazione per la Riqualificazione di Piazza dell'Isolotto


older | 1 | .... | 528 | 529 | (Page 530) | 531 | 532 | .... | 567 | newer