Are you the publisher? Claim or contact us about this channel


Embed this content in your HTML

Search

Report adult content:

click to rate:

Account: (login)

More Channels


Showcase


Channel Catalog


Channel Description:

Divisare - Projects Latest Updates

older | 1 | .... | 510 | 511 | (Page 512) | 513 | 514 | .... | 567 | newer

    0 0

    As the sky dims, cloud is dazzling in purple blue. Within a glimpse, it vanished. Ocean is in charcoal gray. The wave paddles to the sand with a rhythm that you can almost hear. It’s a resonate sound that travels deep and far. The sea breeze leaves its footprint onto the sand land, creating ripples of air waves. An old boat sits half-sunken under the sand, as if it has harbored here for years. There are few tarred down small houses used to be fishermen’s shelter. The leftover shingles and broken walls enclose space in dark. Through the dilapated openings on the wall, look out, is the sea in stillness, like paintings hanging upon the wall.</>

    Vector Architects — Seashore Library

    At that moment, we envision the future library should also be quietly sitting on the seashore. From outside, it looks like a weathered rock that is pure and solid; but inside, what it contains is the rich feelings and experiences. When walking into the space, one starts to feel the light, breezes, and sound of the ocean. What comes after the perception is the unique spiritual linkage between each individual and the sea. In here, everyone can slow down the usual pace, and unfold the feeling of distant and loneliness different from the city life.

    Vector Architects — Seashore Library

    The design began with section. The library houses a reading area, a meditation space, activity room, a drinking bar and a resting area. According to each space, we establish distinctive relationship between space and the ocean; define how light and wind enters into each room.

    Vector Architects — Seashore Library

    - Reading Area Ocean, an ever-changing character continues to alter from season to season, morning to night. It is like a drama play of nature. As if giving the stage to this character of ocean, we pile up seating platforms raised toward the back, so that everyone has an unblocking view to the stage. Toward the sea, the building is enclosed by a series of operable glass walls at ground level. When the weather is nice, the walls are open to the sea directly connecting inside and outside. On top of these pivot walls is a horizontal view window that goes across the library; it is the main framing of sea view. To avoid interruption from any structural component, all the roof loads are carried by the steel trusses running above the view window. On both sides of steel trusses, we infill hand-crafted glass block masonries into wall. The wall softens the hardness of steel trusses. Furthermore, the translucency of such material is sensitive to light. It transforms both natural and artificial light to inside and outside throughout different time of the day, smoothly changing the ambience of the building.

    Vector Architects — Seashore Library

    The half-arched roof opens toward the sea and implies the main subject of the space. Meanwhile, the curvature allows wide span running both north-south and east-west directions. Several 30cm diameter circular openings are inserted and array on the roofing structure. They can be open when the weather is allowed, and help to ventilate indoor air. During three seasons of the year – spring, summer and fall, from 1:00 to 4:00 pm every day, sunlight would stream through those narrow air passage ways and project light spots inside and meandering through space with time shift.

    Vector Architects — Seashore Library

    - Meditation Space The meditation space is sitting aside from reading area. In contrast to the reading area that is bright, evenly distributed light, open and public, meditation space is rather dimmed, sharp of light and shadows, enclosed and private. There are two slim openings, 30cm wide, on east and west side of the room. One is horizontal and one in vertical; one captures the light of sunrise and the other grasps the sunset illumination. In this room, a drastic roof curved pushes the ceiling down low. Above this curve, it creates a low terrace to the roof top. At this area, people hear the sound of ocean, though the vision is out of reach.

    Vector Architects — Seashore Library

    - Activity Room Activity room is a fairly isolated space. Due to potential event and sound, it is being separated from reading area with an outdoor platform in between. The light well on the roof facing east and the clear story at west collect lights throughout the day from different directions. Warm and cold light overlap and tint the space simultaneously.

    Vector Architects — Seashore Library

    If we slice through the building along the north-south long axis, we can see how each space elaborates itself with ocean distinctively. And the movement and memory of human body together choreograph series of experience.

    Vector Architects — Seashore Library

    During the construction phase, we worked with a local construction team and our biggest challenge was wood form poured-in-place concrete. The use of wood form was inspired by the sand marks of foot prints, wind and wheels on site. It implies a mark of memory in time that can be read as a poem. Wood grains are the marks of realization process that we want to leave on the library. Also, it softens the hardness of concrete with warmth.

    Vector Architects — Seashore Library

    Challenges came one after another. How do we keep those wood grains visible and even touchable? How do we create the concrete color we want? How do we avoid flaws such as leaking, cracking, and air bubbles? Those are crucial challenges we faced while working with construction team. We tested mock-ups of concrete wall three times to ensure the final quality. Each time, we made progress but also found new problems to be resolved. We continuously confront with much unknown and exploration throughout the entire procedure. Every construction is an indescribable given fate, with a premise of dedication and diligence from each party involved.

    Vector Architects — Seashore Library

    Location: Nandaihe, China Client: Beijing Rocfly Investment (Group) CO., LTD Design Firm:Vector Architects Principal Architect: Gong Dong Project Architect: Chen Liang Site Architect: Yifan Zhang, Dongping Sun Design Team: Zhiyong Liu, Hsi Chao Chen, Hsi Mei Hsieh Structure: Concrete Structure Material: Concrete, Laminated Bamboo Slate, Glass Block Building Area: 450 M2 Design Period: 02/2014- 07/2014 Construction Period: 07/2014- 04/2015

    Vector Architects — Seashore Library

    Vector Architects — Seashore Library

    Vector Architects — Seashore Library

    Vector Architects — Seashore Library

    Vector Architects — Seashore Library

    Vector Architects — Seashore Library

    Vector Architects — Seashore Library

    Vector Architects — Seashore Library

    Vector Architects — Seashore Library

    Vector Architects — Seashore Library

    Vector Architects — Seashore Library

    Vector Architects — Seashore Library

    Vector Architects — Seashore Library

    Vector Architects — Seashore Library

    Vector Architects — Seashore Library

    Vector Architects — Seashore Library

    Vector Architects — Seashore Library

    Vector Architects — Seashore Library

    Vector Architects — Seashore Library

    Vector Architects — Seashore Library

    Vector Architects — Seashore Library

    Vector Architects — Seashore Library

    Vector Architects — Seashore Library

    Vector Architects — Seashore Library

    Vector Architects — Seashore Library

    Vector Architects — Seashore Library

    Vector Architects — Seashore Library

    Vector Architects — Seashore Library

    Vector Architects — Seashore Library

    Vector Architects — Seashore Library

    Vector Architects — Seashore Library

    Vector Architects — Seashore Library

    Vector Architects — Seashore Library


    0 0

    A due passi da Piazza della Vittoria, viene ristrutturato un appartamento all’ ultimo piano di una palazzina degli anni 50.

    Tommaso Rossi, Loris Alberghini — Casa M_R15

    Soggiorno_1

    Tutti gli ambienti presentano finiture di pregio e la disposizione degli spazi è stata ottimizzata per creare un effetto di comfort abitativo maggiore e una percezione della luce naturale più coinvolgente e lineare.

    Tommaso Rossi, Loris Alberghini — Casa M_R15

    Soggiorno_2

    La particolarità dell appartamento è quella di avere un cuore Jazz. Infatti la passione dei committenti per la musica ha suggerito una stanza dedicata che avesse la possibilità di creare atmosfere magiche e uniche a ritmo di musica. A questo fine si è pensato ad una struttura fonoassorbente con incorporati corpi illuminanti in grado di creare atmosfere intense ed in sinergia con la musica che di giorno in giorno allieta il tempo.

    Tommaso Rossi, Loris Alberghini — Casa M_R15

    Soggiorno_3

    Anche dal punto di vista energetico gli ambienti sono stati ottimizzati con un sistema di riscaldamento a pavimento che permette un uso puntuale e adeguato delle risorse energetiche evitando gli sprechi.

    Tommaso Rossi, Loris Alberghini — Casa M_R15

    Soggiorno_4

    Tommaso Rossi, Loris Alberghini — Casa M_R15

    Corridoio_1

    Tommaso Rossi, Loris Alberghini — Casa M_R15

    Bagno_1

    Tommaso Rossi, Loris Alberghini — Casa M_R15

    Bagno_2

    Tommaso Rossi, Loris Alberghini — Casa M_R15

    Bagno_3

    Tommaso Rossi, Loris Alberghini — Casa M_R15

    Cucina_1

    Tommaso Rossi, Loris Alberghini — Casa M_R15

    Cucina_2

    Tommaso Rossi, Loris Alberghini — Casa M_R15

    Cucina_3

    Tommaso Rossi, Loris Alberghini — Casa M_R15

    Cucina_4

    Tommaso Rossi, Loris Alberghini — Casa M_R15

    Musica_1

    Tommaso Rossi, Loris Alberghini — Casa M_R15

    Musica_2

    Tommaso Rossi, Loris Alberghini — Casa M_R15

    Musica_3

    Tommaso Rossi, Loris Alberghini — Casa M_R15

    Musica_4

    Tommaso Rossi, Loris Alberghini — Casa M_R15

    Musica_5

    Tommaso Rossi, Loris Alberghini — Casa M_R15

    Musica_6

    Tommaso Rossi, Loris Alberghini — Casa M_R15

    Musica_7


    0 0

    Chongqing, municipalità con oltre 30 milioni di abitanti, è uno dei conglomerati urbani più grandi al mondo, caratterizzato da un tessuto articolato e in costante espansione. Lo sviluppo in questa megalopoli di un concept commerciale che rappresenti il lifestyle, il gusto, la moda ed il design italiani, con una superficie di oltre 125.000 mq, diviene progetto di un vero e proprio landmark, ben oltre il concetto di semplice mall. Un’operazione complessa che HYD Architettura insieme a Larry Smith ha accettato come sfida: creare un luogo che sappia essere da un lato immagine per la città e dall’altro conenitore dell’eccellenza del made in Italy.

    piero giovannini, Gaia Marziali, Fabio Riccato, Studio HYD — Infinity Walk

    L’osservazione del territorio ha messo in luce alcune caratteristiche specifiche che ritornano nel progetto: le morbide colline, le profonde gole naturali scavate dai fiumi e le grandi grotte a cielo aperto, veri e propri pozzi naturali, peculiarità tipiche del paesaggio naturale della regione. Da questi elementi nasce l’immagine dell’edificio: una grande pelle dorata avvolge il volume principale, accompagnando il visitatore dall’esterno verso l’interno. La forma diviene così frastagliata eppure fluida, spaccata e continua allo stesso tempo, in un continuo ritorno a sé stessa, significato caro alla cultura cinese.

    piero giovannini, Gaia Marziali, Fabio Riccato, Studio HYD — Infinity Walk

    La pelle bronzea, in metallo microforato, diventa veicolo di immagini e luci diverse, relazionandosi in modo forte e primario con le grandi arterie stradali che circondano il lotto. Può cambiare aspetto nel corso della giornata non solo grazie alla sua forma specifica, che riflette in modo mutevole la luce naturale, ma anche grazie ad un preciso impianto di illuminazione a led. La qualità dell’immagine esterna si accompagna ad un attento progetto degli spazi interni, che grazie alle cavità, scavate dalla stessa pelle esterna, acquisiscono un carattere deciso e luminoso. Il grande elemento scultoreo che mette a confronto interno ed esterno termina in un grande spazio vuoto, d’acqua e verde come le forme naturali a cui si ispira.

    piero giovannini, Gaia Marziali, Fabio Riccato, Studio HYD — Infinity Walk

    piero giovannini, Gaia Marziali, Fabio Riccato, Studio HYD — Infinity Walk

    piero giovannini, Gaia Marziali, Fabio Riccato, Studio HYD — Infinity Walk

    piero giovannini, Gaia Marziali, Fabio Riccato, Studio HYD — Infinity Walk


    0 0

    The workspace

    Vector Architects — Vector Architects Studio

    Vector Architects — Vector Architects Studio

    Vector Architects — Vector Architects Studio

    Vector Architects — Vector Architects Studio

    Vector Architects — Vector Architects Studio

    Vector Architects — Vector Architects Studio

    Vector Architects — Vector Architects Studio

    Vector Architects — Vector Architects Studio

    Vector Architects — Vector Architects Studio


    0 0

    L’intervento residenziale, in corso di costruzione, è situato a Grisignano, frazione posta nelle immediate vicinanze a sud di Forlì, lungo la direttrice che collega la città alle colline appenniniche, in direzione di Predappio. Il progetto si basa sullo studio di diverse tipologie di alloggio, economiche e di piccola dimensione, dal monolocale alla casa indipendente. L’intervento è studiato sull’utilizzo di un modulo strutturale pressoché costante di dimensione pari a ml. 6*6, che consenta nel tempo ampia possibilità di reinterpretazione di tipologie e funzioni.

    Paolo Carli Moretti — Housing in via Rosetta

    Paolo Carli Moretti — Housing in via Rosetta

    Paolo Carli Moretti — Housing in via Rosetta

    Paolo Carli Moretti — Housing in via Rosetta

    Paolo Carli Moretti — Housing in via Rosetta

    Paolo Carli Moretti — Housing in via Rosetta

    Paolo Carli Moretti — Housing in via Rosetta

    Paolo Carli Moretti — Housing in via Rosetta

    Paolo Carli Moretti — Housing in via Rosetta

    Paolo Carli Moretti — Housing in via Rosetta

    Paolo Carli Moretti — Housing in via Rosetta

    Paolo Carli Moretti — Housing in via Rosetta

    Paolo Carli Moretti — Housing in via Rosetta

    Paolo Carli Moretti — Housing in via Rosetta

    Paolo Carli Moretti — Housing in via Rosetta

    Paolo Carli Moretti — Housing in via Rosetta


    0 0

    La mostra è pensata come luogo di accoglienza della memoria degli artisti. Il Padiglione Italia diventerà l’involucro all’interno del quale troveranno riparo momenti culturali e autobiografici degli autori presenti in mostra. Questi momenti avranno voce attraverso camere monografiche non concepite come meri spazi espositivi ma come veri e propri luoghi d’arte.

    Giovanni Francesco Frascino — BIENNALE ARTE 2015 padiglione italia

    ingresso

    Posizionate in batteria al centro del Padiglione, le stanze stimoleranno il senso di fratellanza che le accomuna, mantenendo al contempo autonomia dello spazio interno ed evitando così qualsiasi contaminazione visiva.

    Giovanni Francesco Frascino — BIENNALE ARTE 2015 padiglione italia

    model study

    Nel Padiglione è prevista un’atmosfera in cui il visitatore, in un ambiente semioscuro, sarà attirato da squarci di luce provenienti dalle aperture dei volumi muti delle camere monografiche. Questi fasci luminosi, riflessi della luce proveniente dalle singole camere, come veri e propri segnapasso, guideranno il visitatore alla scoperta della mostra in un alternarsi del buio del Padiglione e della luce dei singoli spazi d’arte. Proprio quest’alternarsi tra luce/buio e dentro/fuori permette al visitatore di recuperare quella capacità di saper vedere le cose.

    Giovanni Francesco Frascino — BIENNALE ARTE 2015 padiglione italia

    schema concept

    Le camere sono quindi caratterizzate da un involucro e da un cuore. L’involucro è come un guscio che delimita e protegge la camera con un accesso generalmente posto sul lato corto. Lo spazio interno è occupato da elementi eterogenei del passato dell’artista: libri, film, fotografie, oggetti, etc. A questi si aggiunge una singola e significativa opera (o installazione), realizzata per questa occasione. JANNIS KOUNELLIS

    Giovanni Francesco Frascino — BIENNALE ARTE 2015 padiglione italia

    sequenza stanze

    LUCA MONTERASTELLI

    Giovanni Francesco Frascino — BIENNALE ARTE 2015 padiglione italia

    stanza JANNIS KOUNELLIS

    NICOLA SAMOR

    Giovanni Francesco Frascino — BIENNALE ARTE 2015 padiglione italia

    stanza LUCA MONTERASTELLI

    MARZIA MIGLIORA

    Giovanni Francesco Frascino — BIENNALE ARTE 2015 padiglione italia

    stanza NICOLA SAMORI'

    MIMMO PALADINO

    Giovanni Francesco Frascino — BIENNALE ARTE 2015 padiglione italia

    stanza MARZIA MIGLIORA

    ALDO TAMBELLINI

    Giovanni Francesco Frascino — BIENNALE ARTE 2015 padiglione italia

    stanza MIMMO PALADINO

    All’interno del padiglione, in ingresso, al centro e in uscita, vi saranno “episodi artistici”, concepiti come prologo, intermezzo ed epilogo della mostra: tre omaggi all’arte italiana presentati da autori stranieri. Gli spazi per queste opere avranno una natura seduttiva e permeabile. E, a differenza dei luoghi riservati agli artisti, vivranno di una dimensione dialogica. Il prologo – all’ingresso della mostra –è come una cella aperta al pubblico, costruita da superfici a tutta altezza, sulle quali verrà proiettato l’omaggio all’Italia di PETER GREENAWAY

    Giovanni Francesco Frascino — BIENNALE ARTE 2015 padiglione italia

    stanza ALDO TAMBELLINI

    L’intermezzo – un recente ciclo di disegni ispirati a Roma di William Kentridge – occupa un estremo della seconda tesa del Padiglione ed è pensato in un unico momento espositivo. WILLIAM KENTRIDGE

    Giovanni Francesco Frascino — BIENNALE ARTE 2015 padiglione italia

    prologo PETER GREENAWAY

    L’epilogo è pensato come approdo visivo della mostra. Un volume autonomo immerso nel verde dei giardini del padiglione in forte tensione con la cinta muraria dell’arsenale. Lo spazio è una saletta cinema avvolto da due polmoni laterali nei quali troverà posto l’archivio della memoria dell’artista. JEAN-MARIE STRAUB

    Giovanni Francesco Frascino — BIENNALE ARTE 2015 padiglione italia

    intermezzo WILLIAM KENTRIDGE

    Giovanni Francesco Frascino — BIENNALE ARTE 2015 padiglione italia

    epilogo JEAN-MARIE STRAUB

    Giovanni Francesco Frascino — BIENNALE ARTE 2015 padiglione italia

    epilogo JEAN-MARIE STRAUB


    0 0

    Il progetto si concentra all’interno dell’Hotel, con interventi minimali volti ad alleggerire il linguaggio presente e al tempo stesso esaltare la forte denotazione artigianale degli spazi interni.

    Salvatore Putzu, valentina madrau — Hotel nettuno | Interior renovatio

    Infatti, le volte del piano terra, che ospita la reception, il bar e il ristorante, sono caratterizzate dalla presenza di travi e travetti in castagno di pregiata fattura; e decorate in alcuni punti da alcuni lavori pittorici e scultorei che si intende preservare integrandoli ai nuovi interventi dal linguaggio lineare.

    Salvatore Putzu, valentina madrau — Hotel nettuno | Interior renovatio

    Gli interventi sono, pertanto, estremamente ridotti; le demolizioni murarie sono contenute e limitate a piccoli arredi e panche in muratura che ostacolano i percorsi.

    Salvatore Putzu, valentina madrau — Hotel nettuno | Interior renovatio

    L’intervento prevede la sostituzione dei colori forti e caldi delle pareti con il grigio luna chiaro, che desaturi il tono caldo del legno e metta in risalto le venature delle travi.

    Salvatore Putzu, valentina madrau — Hotel nettuno | Interior renovatio

    Il vecchio pavimento sarà sostituito da un gres porcellanato grigio, per restituire un’adeguata luminosità all’interno e , per contrasto, mettere in risalto il legnami di pregio presenti.

    Salvatore Putzu, valentina madrau — Hotel nettuno | Interior renovatio

    Gli arredi interni esistenti in legno massello saranno recuperati, ma parzialmente alleggeriti tramite pitturazione nella stessa tonalità del pavimento per ridurne l’impatto visivo.

    Salvatore Putzu, valentina madrau — Hotel nettuno | Interior renovatio

    Il nuovo bancone della reception, è posizionato in modo da avere la massima visibilità dall’ingresso.

    Salvatore Putzu, valentina madrau — Hotel nettuno | Interior renovatio

    Gli interventi di demolizione comportano che l’attenzione di chi entra venga catturata sia dal bancone reception, sia da quello del bar, dove l’installazione scultorea che attualmente lo decora, sarà messa in primo piano.

    Salvatore Putzu, valentina madrau — Hotel nettuno | Interior renovatio

    Viene creato un nuovo angolo colazione integrato ad una nicchia esistente con modesti lavori in cartongesso e falegnameria.

    Salvatore Putzu, valentina madrau — Hotel nettuno | Interior renovatio

    Parte integrante del progetto è la volontà di dare legata all’arte sarda, mediante una rilettura in chiave moderna delle grafiche tipiche delle decorazioni isolane, che verrà applicata ad elementi decorativi ricorrenti nei nuovi interventi, cercando l’uniformità tra gli stessi. Le grafiche sono elaborate da Carolina Melis.

    Salvatore Putzu, valentina madrau — Hotel nettuno | Interior renovatio

    I corpi illuminanti, sono stati rinnovati per ottenere un linguaggio uniforme con i nuovi interventi e per dotarli di lampadine a LED o a risparmio energetico.

    The project focuses on the Hotel’s interiors, trying, with minimal interventions and a linear modern language, to renovate stylistic expression and at the same time underline the artisanal value of some finishes.

    Infact, the groundfloor ceilings, are characterized by a thick frame of finely crafted structural chestnut timber beans, while some artworks decorate both walls and the bar.

    That’s why architectural intervention is reduced to a minimum, demolishing only some furniture structures that create confusion in fluxes distribution. The main change consists into changing warm tones of walls and floors into a light luminous grey, that will enlighten the quality ofexisting chestnut wooden pieces decorating the environment and the ceiling.

    Even existing hardwood chestnut furniture will be recovered; legs of tables and chairs will be painted in light grey to recall the floor and lighten up their heavy structure.

    The new reception bar is repositioned in order to be seen from the entrance and create a formal dialog with the bar, that thanks to the small demolitions, is now visible from the entrance.

    A new breakfast corner is created by designing corner tailor made furniture in an existing niche.

    A key feature of the design is to create a link between the Hotel and Sardinian traditional graphic language,

    by a new interpretation of its decorative elements, such as the designs proposed by Carolina Melis. Such decoration will be applied in various part of the Hotel, to create an uniform language throughout the ground floor.

    Lighting fixtures have been replaced with new models matching the current design choices and supporting LED lamps.


    0 0

    Questo progetto nasce nel più ampio contesto del complesso dell’Hospice di Bentivoglio creato da Isabella Seragnoli e progettato negli anni ’90 dall’arch. Enzo Zacchiroli.

    Guido Lenzi, Fausto Savoretti, Studio Lenzi & Associati — Accademia delle Scienze di Medicina Palliativa

    In prossimità dell’Hospice, oltrepassando un canale irriguo, vi era una casa agricola ed un fienile con stalla in rovina.

    Guido Lenzi, Fausto Savoretti, Studio Lenzi & Associati — Accademia delle Scienze di Medicina Palliativa

    Questi due edifici sono stati scelti per un recupero che consentisse la realizzazione della nuova Accademia delle Scienze di Medicina Palliativa istituita qui nel 2006.

    Guido Lenzi, Fausto Savoretti, Studio Lenzi & Associati — Accademia delle Scienze di Medicina Palliativa

    La casa è stata restaurata con lo scopo di insediarvi gli uffici e, a secondo piano, una foresteria. E’ anche predisposta per un uso laboratoriale, a piano terra.

    Guido Lenzi, Fausto Savoretti, Studio Lenzi & Associati — Accademia delle Scienze di Medicina Palliativa

    planimetria generale

    L’ex-fienile, con spazi particolari e più generosi, è stato pensato per le aule didattiche e l’amministrazione. E’ un luogo dove tenere corsi ed essere immersi in un ambiente naturale, confortevole. Un posto dove trovare una pausa ai temi della vita e della morte sempre presenti nel vicino Hospice.

    Guido Lenzi, Fausto Savoretti, Studio Lenzi & Associati — Accademia delle Scienze di Medicina Palliativa

    ingresso su via Aldo Moro

    Il restauro operato ha consentito di salvare e portare a nuova vita tutta una serie di elementi del precedente uso agricolo come tagli e feritoie in parete, inferriate e ganci e soprattutto le colonne e le volte del fienile che, nate per il prezioso ricovero degli animali, sono oggi un luogo di piacevole contatto col sapore della storia recente. L’edificio è stato tutto rinforzato nelle fondazioni ed alcune colonne, oltre al processo di desalinizzazione, sono state fisicamente raddrizzate.

    Guido Lenzi, Fausto Savoretti, Studio Lenzi & Associati — Accademia delle Scienze di Medicina Palliativa

    All’esterno sono stati conservati alcuni muretti emergenti dal piano di campagna e il pozzo presente davanti alla casa. L’intervento principale nel fienile, l’introduzione di una scala prima non presente, è stato volutamente segnalato con un volume bow-window visibile all’esterno e da cui vedere brani di campagna.

    Guido Lenzi, Fausto Savoretti, Studio Lenzi & Associati — Accademia delle Scienze di Medicina Palliativa

    piante

    Il portico protettivo/schermo solare posto a sud delle ampie aperture del fienile è stato realizzato con tronchi sbozzati ed inerbito con essenze a foglia caduca quali il Glicine.

    Guido Lenzi, Fausto Savoretti, Studio Lenzi & Associati — Accademia delle Scienze di Medicina Palliativa

    Al di là del canale, sul quale è stato realizzato il ponticello carrabile, è stato progettato un nuovo edificio per il ricovero dell’ambulanza e magazzinaggio, in mattoni.

    Guido Lenzi, Fausto Savoretti, Studio Lenzi & Associati — Accademia delle Scienze di Medicina Palliativa

    sala conferenze a primo piano

    Il linguaggio utilizzato per il ricovero dell’ambulanza rappresenta un tentativo di integrare rispettosamente questo corpo nel complesso progettato da Zacchiroli.

    Guido Lenzi, Fausto Savoretti, Studio Lenzi & Associati — Accademia delle Scienze di Medicina Palliativa

    ingresso

    Negli anni successivi sono state realizzate tre case in legno come foresteria studenti di color rosso Ferrari dall’ ing. Antonio Iascone a completamento della dotazione del complesso.

    Guido Lenzi, Fausto Savoretti, Studio Lenzi & Associati — Accademia delle Scienze di Medicina Palliativa

    open space piano terra

    Guido Lenzi, Fausto Savoretti, Studio Lenzi & Associati — Accademia delle Scienze di Medicina Palliativa

    la stalla prima del restauro

    Guido Lenzi, Fausto Savoretti, Studio Lenzi & Associati — Accademia delle Scienze di Medicina Palliativa

    Guido Lenzi, Fausto Savoretti, Studio Lenzi & Associati — Accademia delle Scienze di Medicina Palliativa

    Guido Lenzi, Fausto Savoretti, Studio Lenzi & Associati — Accademia delle Scienze di Medicina Palliativa

    gli edifici prima del restauro

    Guido Lenzi, Fausto Savoretti, Studio Lenzi & Associati — Accademia delle Scienze di Medicina Palliativa

    gli interventi in fondazione

    Guido Lenzi, Fausto Savoretti, Studio Lenzi & Associati — Accademia delle Scienze di Medicina Palliativa

    Guido Lenzi, Fausto Savoretti, Studio Lenzi & Associati — Accademia delle Scienze di Medicina Palliativa

    Guido Lenzi, Fausto Savoretti, Studio Lenzi & Associati — Accademia delle Scienze di Medicina Palliativa

    ingresso

    Guido Lenzi, Fausto Savoretti, Studio Lenzi & Associati — Accademia delle Scienze di Medicina Palliativa

    Guido Lenzi, Fausto Savoretti, Studio Lenzi & Associati — Accademia delle Scienze di Medicina Palliativa

    Guido Lenzi, Fausto Savoretti, Studio Lenzi & Associati — Accademia delle Scienze di Medicina Palliativa

    magazzino e garage ambulanze

    Guido Lenzi, Fausto Savoretti, Studio Lenzi & Associati — Accademia delle Scienze di Medicina Palliativa

    Guido Lenzi, Fausto Savoretti, Studio Lenzi & Associati — Accademia delle Scienze di Medicina Palliativa

    Guido Lenzi, Fausto Savoretti, Studio Lenzi & Associati — Accademia delle Scienze di Medicina Palliativa

    Guido Lenzi, Fausto Savoretti, Studio Lenzi & Associati — Accademia delle Scienze di Medicina Palliativa

    magazzino e garage ambulanze

    Guido Lenzi, Fausto Savoretti, Studio Lenzi & Associati — Accademia delle Scienze di Medicina Palliativa

    Guido Lenzi, Fausto Savoretti, Studio Lenzi & Associati — Accademia delle Scienze di Medicina Palliativa


    0 0

    casa 03

    salvatore sciuto architetto — casa 03

    casa 03

    salvatore sciuto architetto — casa 03

    casa 03

    salvatore sciuto architetto — casa 03

    casa 03

    salvatore sciuto architetto — casa 03

    casa 03


    0 0

    Prefab concrete house. Light-flooded rooms. Sharp-edged, massiv exterior.

    Steimle Architekten — S3 CITYVILLA

    Steimle Architekten — S3 CITYVILLA

    Steimle Architekten — S3 CITYVILLA

    Steimle Architekten — S3 CITYVILLA

    Steimle Architekten — S3 CITYVILLA

    Steimle Architekten — S3 CITYVILLA

    Steimle Architekten — S3 CITYVILLA

    Steimle Architekten — S3 CITYVILLA

    Steimle Architekten — S3 CITYVILLA

    Steimle Architekten — S3 CITYVILLA

    Steimle Architekten — S3 CITYVILLA

    Steimle Architekten — S3 CITYVILLA

    Steimle Architekten — S3 CITYVILLA

    Steimle Architekten — S3 CITYVILLA

    Steimle Architekten — S3 CITYVILLA

    Steimle Architekten — S3 CITYVILLA

    Steimle Architekten — S3 CITYVILLA

    Steimle Architekten — S3 CITYVILLA

    Steimle Architekten — S3 CITYVILLA

    Steimle Architekten — S3 CITYVILLA

    Steimle Architekten — S3 CITYVILLA

    Steimle Architekten — S3 CITYVILLA

    Steimle Architekten — S3 CITYVILLA

    Steimle Architekten — S3 CITYVILLA

    Steimle Architekten — S3 CITYVILLA


    0 0

    Il progetto prevede il restauro del fontanile di Roccalbegna posto lungo la SS n. 123. Attualmente il fontanile presenta alcune lesioni nel prospetto principale, soprattutto nella vasca, che causano infiltrazioni d’acqua nella pietra. Il progetto prevede il consolidamento e restauro delle superfici lapidee, attraverso pulizia meccanica con piccoli strumenti (bisturi) e successivo lavaggio con idropulitrice a bassa pressione e spazzole morbide; il tutto dopo aver effettuato un trattamento biocida di superficie per la vegetazione infestante. Il restauro comprenderà anche l’integrazione di alcune pietre di paramento, con pietrame di eguale caratteristica, mancanti sul lato sinistro e recupero delle lesioni sul lato destro. Al termine di queste operazioni, verrà applicato un trattamento della superficie lapidea con prodotto protettivo silossanico. Tutte le operazioni precedentemente elencata saranno effettuate sia per le superfici verticali (fronte e prospetti laterali del fontanile) che per le superfici orizzontali (pavimentazione superiore e scalini). La pavimentazione esistente, posta a raso con la SS 123, verrà smontata, previa mappatura e numerazione di ogni singola pietra, per effettuare sistemazione del sottofondo. Il sottofondo sarà regolarizzato e saranno realizzate le adeguate pendenze per lo smaltimento delle acque meteoriche. Nell’occasione sarà apposta una canaletta (tipo aco self 300), completa di griglie in ghisa fra la pavimentazione rimossa e l’asfalto. Il tutto per garantire il miglior smaltimento possibile delle acque meteoriche. Una volta ripristinato il sottofondo, la pavimentazione sarà riposizionata in loco nella posizione originale secondo mappatura precedente. Al fine di rendere l’area interdetta al traffico e soprattutto al parcheggio, saranno apposti numero 3 nuovi dissuasori in ferro con catena; le caratteristiche dei nuovi dissuasori saranno simili a quelle del dissuasore già presente. Nel restauro sarà compreso il ripristino della ringhiera in ferro esistente. La ringhiera sarà pulita e cartata e saranno ripristinati gli elementi deteriorati. Il tutto sarà verniciato con colorazione compatibile. La vasca di accumulo dell’acqua sarà svuotata e resa impermeabile attraverso la posa in opera di cemento osmotico grigio o bianco; il tutto previa pulizia da depositi calcarei e limosi interni alla stessa. Ultime operazioni saranno relative alla vegetazione di contorno al fontanile con la pulizia delle infestanti mediante prodotti fitosanitari a basso rischio tossicologico. La progettazione ritiene necessario un inserimento paesaggistico che valorizzi la struttura stessa. A tal proposito, si è deciso di operare una mitigazione della vista dell’edificio ENEL posto immediatamente alle spalle dal fontanile. Saranno, quindi, rimossi gli arbusti attualmente presenti, che appartengono a specie infestanti, spontanee e di poco valore naturalistico, in favore di una ripiantumezione dell’area con arbusti di Laurus nobilis (alloro). E’ stato scelto l’alloro in quanto pianta di facile manutenzione, restituente alle escursione termiche e di veloce crescita. L’impatto dell’intera opera di restauro è stato dimostrato con foto inserimento.

    stefano sagina, Roberto Picchianti, massimo nencioni — PROGETTO DI RESTAURO E RISANAMENTO CONSERVATIVO DEL FONTANILE  DI ROCCALBEGNA

    Fotoinserimento dell'opera completata

    stefano sagina, Roberto Picchianti, massimo nencioni — PROGETTO DI RESTAURO E RISANAMENTO CONSERVATIVO DEL FONTANILE  DI ROCCALBEGNA

    Render del fontanile

    stefano sagina, Roberto Picchianti, massimo nencioni — PROGETTO DI RESTAURO E RISANAMENTO CONSERVATIVO DEL FONTANILE  DI ROCCALBEGNA

    Foto del fontanile ante progetto risanamento


    0 0

    Il progetto ha comportato la ristrutturazione completa di un fabbricato rurale in completo disuso in pieno centro storico. Il progetto rispetta e ripropone i caratteri propri dell’edilizia tradizionale dei piccoli centri lacustri nelle strutture in legno, nella divisione degli spazi (con una doppia altezza per la zona giorno dove esisteva il fienile) e nelle dimensioni dei fori.

    Davide Padovani architetto — Casa di abitazione ex rurale

    La grande finestra sulla zona giorno

    Davide Padovani architetto — Casa di abitazione ex rurale

    Davide Padovani architetto — Casa di abitazione ex rurale

    Davide Padovani architetto — Casa di abitazione ex rurale


    0 0

    Il progetto prevede l’installazione di un sistema di antenne ripetitori di segnale wi-fi per servire l’area del Parco Naturale della Maremma. Il sistema di approvvigionamento energetico è garantito da pannelli fotovoltaici inseriti alla base delle antenne. Il sistema è stato ubicato sulla sommità delle torri di avvistamento medievali poste all’interno del Parco (Abbazia di San Rabano e Torre di Collelungo), sul casello idraulico di bonifica in luogo di una pre-esistente antenna e in una radura sulla sommità dei Monti dell’Uccellina. Tutto il sistema è reso sicuro dalla presenza di videocamere alimentate dagli stessi pannelli. In particolar modo la rete wi-fi è stata studiata anche in relazione al progetto di fruizione inerente l’Abbazia di San Rabano inteso come bane storico-paesaggistico da tutela e valorizzare attraverso anche tecnologie di informazioni storico artistiche da consultare via web, coniugando così interesse storico e tecnologia.

    stefano sagina, Roberto Picchianti, massimo nencioni, pierluigi melchionna — PROGETTO DI INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA DI RETE WI-FI E IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA AD ENERGIA FOTOVOLTAICA

    Foto aerea dell'area d'intervento


    0 0

    Program: Single family house/ Location: Valle de Bravo, Mexico/ Status: Project/ Architectural project: Andrés Palomino + Dellekamp Arquitectos | Derek Dellekamp & Jachen Schleich/ Project Leader: Jachen Schleich/ Team: Geoffroy Arnoux, Rafael Medrano, Marco Antonio Jaime/

    palomino & dellekamp — Cruz de Mision

    Located five minutes from the center of Valle de Bravo, in an area of four thousand meters.

    palomino & dellekamp — Cruz de Mision

    The eight houses that compose the project have lake views. The homes have multiple ways for circulation, double height spaces and outdoor areas.

    palomino & dellekamp — Cruz de Mision

    Inspired by the unique style of Valle de Bravo with warm low maintenance materials.

    palomino & dellekamp — Cruz de Mision

    palomino & dellekamp — Cruz de Mision


    0 0

    IT Souvenir di un tempo ormai trascorso, ricordo dei nonni e dei cugini che giocavano in cortile sfidandosi a “tuppettu”… nasce così TuppettuCase! Lo stesso design di un tempo ma con un’utilità assolutamente innovativa per l’uso contemporaneo. Questo sottolinea il contrasto tra il passato e il presente della società in cui i bambini non giocano più, una società che vive in rete sui social network, musica e così via sono le principali finestre con il mondo esterno. L’idea nasce quindi dal ricordo e dalla tradizione siciliana dei giochi che facevano i nostri nonni, il tuppeturu: era una piccola trottola in legno con un filo che si arrotolava su se stessa con una punta di ferro con cui stava in equilibrio. Quando si lanciava ruotava su se stessa. Oggi viene riproposto quale piccolo contenitore,con coperchio apribile: nel suo interno si ipotizza un alloggiamento per l’avvolgicavo degli auricolari e un piccolo foro nel quale introdurre il jack, che ricorderà con la sua punta, quella del tuppetu. TuppettuCase mostra la sua “forma” trascorsa e la “funzione” evoluta di comunicazione: se prima questo oggetto veniva usato in uno spazio aperto in un momento di condivisione ludica ed aggregativa, oggi riveste la stessa funzione rispondendo ai bisogni attuali di intrattenimento. La Tecnologia, è il massimo comune denominatore presente nella vita di tutti noi: accorgimenti dal punto di vista salutare portano alla protezione dalle onde magnetiche dannose per il nostro organismo (sprigionate da diversi oggetti di ultima generazione). Gli auricolari oggi sono alla portata di tutti ma non tutti sanno dove riporli. Nasce così TuppettuCase, un porta oggetti per un target generale ed un porta auricolari per tutti coloro che sono tecnologicamente ed eticamente “avanzati”: una collocazione funzionale e divertente nel quale riporre ed avvolgere, proteggendo il cavo, le cuffiette. Il souvenir TuppettuCase può essere stampato in 3D con filamento effetto legno o colorato. Il prototipo è stato prodotto con la stampante 3D della famiglia SLA per ottenere una grande precisione anche negli oggetti più piccoli. Il TuppettuCase, una volta usato può completare il suo ciclo vitale a servizio di altre funzioni: progettare in fase preventiva una “seconda vita” per evitare di essere cestinato nel caso in cui le parti interne fossero distrutte dall’usura. Allungare il ciclo di vita del nostro TuppettuCase, evitando così di buttarlo via, riconoscendo in questo piccolo oggetto altre funzioni quali potrebbero essere quella decorativa (ad es. come addobbo natalizio, permesso anche dall’alloggiamento in testa di un archetto nel quale far passare il filo per sorreggerlo nell’albero, o segnaposto,…) o quella funzionale quotidiana (ad es. portamonete, portaoggetti, porta gioielli). Il packaging per il marketing finale, per contenere e proteggere TuppettuCase, potrà essere prodotto in cartone a forma di piramidale a base quadrata per riportare alla mente l’idea dell’Etna… un souvenir, un ricordo, utile. Una Sicilia da portare via.

    Antonella Caponnetto, Valentina Rinaldi, Agata Petrillo, Luca M. Capparelli — TuppettuCase

    Ph. Riccardo Puglisi - Post-prod. Ph. Antonella Caponnetto

    EN Souvenirs of a forgotten past, memories of grandparents and cousins who were playing in the yard in challenging “tuppettu”... born so TuppettuCase! The same design of the past but with absolutely innovative utility for simultaneous use. This underline the contrast between the past and the present society in which children don’t play with it anymore, a society in wich social network, music and so on are the main windows with the external world. The idea was born from the memory and then the Sicilian tradition of the games of grandparents, the tuppeturu: it was a small wooden spinning top with a wire that was rolled on itself with a bit of iron which was in balance. When he threw revolved on itself. Today is proposed as a small container, with a lid that can be opened: inside it is assumed a housing for the winding of the earphones and a small hole in which is it possible to introduce the jack that remember, with its tip, that of tuppetu. TuppettuCase shows its spent “form” and the “tool” of communication evolved: if before, in a time of sharing playful and aggregative, this object was used in an open space, today holds the same function in response to the current needs of entertainment. Technology, is the greatest common denominator present in the lives of all of us: measures from the point of view healthy lead to protection from electromagnetic waves harmful for our body (unleashed by different objects of the last generation). The earphones are now available to everyone, but not everyone knows where to store them. Thus was born TuppettuCase, a holding objects in a target general and a headphone port for all those who are technologically and ethically “advanced”: a place in the functional and fun which store and wrap, protecting the cable, the headphones. The souvenir TuppettuCase can be printed in 3D with filament wood effect or colored. The prototype has been produced with the 3D printer family SLA to obtain a high accuracy even in the smallest objects. The TuppettuCase, once used can complete its life cycle in the service of other functions: design at an early stage a “second life” to avoid being trashed when the internal parts are destroyed by wear. Extend the life cycle of our TuppettuCase, thus avoiding to throw it away, recognizing in this little object other functions which may be the decorative (eg. as a Christmas decoration, also allowed it from the head of a bow in which pass the thread to hold him up in the tree, or placeholder, ...) or the functional daily (eg. purse, glove box, door jewelry).

    The packaging for the marketing end, to hold and protect TuppettuCase, will be produced in cardboard shaped pyramid with a square base to bring to mind the idea of Etna … a souvenir, a memory, useful. A Sicily to take away.


    0 0

    casa 05

    salvatore sciuto architetto — casa 05

    casa 05

    salvatore sciuto architetto — casa 05

    casa 05

    salvatore sciuto architetto — casa 05

    casa 05

    salvatore sciuto architetto — casa 05

    casa 05


    0 0

    All’interno del progetto “codiceitalia” del Padiglione Italia per la Biennale Arte 2015, in ingresso, al centro e in uscita, vi saranno “episodi artistici”, concepiti come prologo, intermezzo ed epilogo della mostra: tre omaggi all’arte italiana presentati da autori stranieri. Gli spazi per queste opere avranno una natura seduttiva e permeabile. E, a differenza dei luoghi riservati agli artisti italiani, vivranno di una dimensione dialogica. L’epilogo, affidato a jean-Marie Straub, è pensato come approdo visivo della mostra. Un volume autonomo immerso nel verde dei giardini del padiglione in forte tensione con la cinta muraria dell’arsenale. Lo spazio è una saletta cinema avvolto da due polmoni laterali nei quali troverà posto l’archivio della memoria dell’artista.

    Giovanni Francesco Frascino — STRAUB PAVILION biennale arte 2015

    Giovanni Francesco Frascino — STRAUB PAVILION biennale arte 2015

    Giovanni Francesco Frascino — STRAUB PAVILION biennale arte 2015

    Giovanni Francesco Frascino — STRAUB PAVILION biennale arte 2015

    Giovanni Francesco Frascino — STRAUB PAVILION biennale arte 2015

    Giovanni Francesco Frascino — STRAUB PAVILION biennale arte 2015

    Giovanni Francesco Frascino — STRAUB PAVILION biennale arte 2015

    Giovanni Francesco Frascino — STRAUB PAVILION biennale arte 2015

    Giovanni Francesco Frascino — STRAUB PAVILION biennale arte 2015

    Giovanni Francesco Frascino — STRAUB PAVILION biennale arte 2015

    Giovanni Francesco Frascino — STRAUB PAVILION biennale arte 2015

    Giovanni Francesco Frascino — STRAUB PAVILION biennale arte 2015

    Giovanni Francesco Frascino — STRAUB PAVILION biennale arte 2015

    Giovanni Francesco Frascino — STRAUB PAVILION biennale arte 2015

    Giovanni Francesco Frascino — STRAUB PAVILION biennale arte 2015

    Giovanni Francesco Frascino — STRAUB PAVILION biennale arte 2015


    0 0

    The design concept “Millenium Tree” reflects LH’s brand by creating a building that is harmonious both visually and technologically with the surrounding landscape. The project implements numerous sustainable methodologies at both the micro and macro scale. Features include a dramatic brise soleil on the southern façade of the tower and multi-storey interactive zones on the west that utilize an intelligent skin that draws cool air through the building. The project, located near a scenic river walk in Jinju, South Korea, integrates public and private program areas (a primary security concern); into a seamless composition that promotes an egalitarian environment. Public sports fields are located south of standing structures to take advantage of sunlight for athletic events and daily use. Korea Land & Housing Corporation engages in the construction, renovation, and management of land and housing properties, and cities in South Korea and internationally. The company constructs apartment complexes, rental apartments, new towns, industrial complexes, free economic zones, industrial parks and new cities, and residential housing projects. It also involves in the improvement of residential environments; development of housing land; reconstruction of housing projects; refinement of urban environments; promotion of urban refinement; and provision of remodeling and consulting services.

    TYPStudio, Tomoon Architects, Mooyoung Architects — Millenium Tree

    Perspective

    TYPStudio, Tomoon Architects, Mooyoung Architects — Millenium Tree

    Overall View

    TYPStudio, Tomoon Architects, Mooyoung Architects — Millenium Tree

    Concept

    TYPStudio, Tomoon Architects, Mooyoung Architects — Millenium Tree

    Site Plan

    TYPStudio, Tomoon Architects, Mooyoung Architects — Millenium Tree

    Design Process

    TYPStudio, Tomoon Architects, Mooyoung Architects — Millenium Tree

    Persprctive

    TYPStudio, Tomoon Architects, Mooyoung Architects — Millenium Tree

    Axono of Podium

    TYPStudio, Tomoon Architects, Mooyoung Architects — Millenium Tree

    View of Main Lobby

    TYPStudio, Tomoon Architects, Mooyoung Architects — Millenium Tree

    Typical Floor Plan

    TYPStudio, Tomoon Architects, Mooyoung Architects — Millenium Tree

    Skyloung Floor Plan

    TYPStudio, Tomoon Architects, Mooyoung Architects — Millenium Tree

    View of Sky Lounge

    TYPStudio, Tomoon Architects, Mooyoung Architects — Millenium Tree

    South Elevation

    TYPStudio, Tomoon Architects, Mooyoung Architects — Millenium Tree

    North Elevation

    TYPStudio, Tomoon Architects, Mooyoung Architects — Millenium Tree

    Cross Section

    TYPStudio, Tomoon Architects, Mooyoung Architects — Millenium Tree

    Longitudinal Section

    TYPStudio, Tomoon Architects, Mooyoung Architects — Millenium Tree

    Sustainability


    0 0
  • 06/02/15--00:23: zhuhai tower - REMIX STUDIO
  • This project is the result of a competition in collaboration with JAL and partners. The 300m height Zhongtie Tower is located in Shizimen CBD. This future waterfront landmark is part of Hengqin island Zhuhai City, Guangdong Province, facing directly Hongkong and Macao. The tower is placed at the northwest corner of the site. A four storey podium encloses the site, taking advantage of the higher commercial value on the east side of the site, brought by the pedestrian flow from the subway and Rongzhu Rd. The ground floor is made permeable through breaking down the massing into intimate street-like scale to allow various fluxes from the city to intersect each other, converging to the very core of the building.

    REMIX STUDIO — zhuhai tower

    night view - detail

    A series of ramps in the podium brings people to balconies and terraces on various levels to end on the rooftop public plaza. Continuous circulation extends the surrounding streets into the interior spaces, activating pockets of program at different times of the day.

    REMIX STUDIO — zhuhai tower

    location

    The building volume and skin, flirting with the modern aesthetics of modernity are prevalently a response to two different inputs: the environmental particularities of the location and the revision of the skyscraper typology.

    REMIX STUDIO — zhuhai tower

    concept diagram

    The tower is formed as an aerodynamic response to the prevalent winds and the curtain wall is designed to accommodate panels of different transparencies in accordance to the solar exposure: important conditions for a site located in such a sub-tropical climate. A system of passive ventilation that responds to seasonal variations in temperature is integrated as a volumetric filter on three sides of the tower.

    REMIX STUDIO — zhuhai tower

    tower terraces configurations

    An operation that allowed the formation along the vertical axe of the hanging volumes which are mainly containing meeting rooms, intimate stanzas with a view over the landscape This particular move helped in emphasizing the tower vertical silhouette diminishing its portentous and massive visual impact given by the impressive amount of required amount of sqm. The podium on its side tries to accommodate environmental strategies such as a green roof and a rainwater collection system.

    REMIX STUDIO — zhuhai tower

    office plans

    Responding again to conditions that regard solar exposure and visual potentials over the mountains the sea and the city, the program is distributed with a relatively homogeneity along the vertical axe. The building is a two blocs complex: a mix-use podium and a tower that contains offices [F1-44], apartments and hotels [F45-61]. The typical floor adopts an 8m structural grid which provides flexibility needed for multiple layout possibility.

    REMIX STUDIO — zhuhai tower

    program distribution

    The 3.5m structural setback from the façade boundary allows the facade play with subtle folds generating . Also, gaps between “hanging pockets” and the main volume are openable to respond to seasonal ventilation requirements.

    REMIX STUDIO — zhuhai tower

    podium program

    REMIX STUDIO — zhuhai tower

    passive climatic control

    REMIX STUDIO — zhuhai tower

    podium circulation

    REMIX STUDIO — zhuhai tower

    aerial view of the podium

    REMIX STUDIO — zhuhai tower

    night view

    REMIX STUDIO — zhuhai tower

    view from the sea


    0 0
  • 06/02/15--02:13: VISION - Steimle Architekten
  • It´s all about the Vision. What Architects dream, think about, lifestyle, do´s and don´ts, likes and hates, and in the end everything goes round and round.

    Steimle Architekten — VISION


older | 1 | .... | 510 | 511 | (Page 512) | 513 | 514 | .... | 567 | newer