Are you the publisher? Claim or contact us about this channel


Embed this content in your HTML

Search

Report adult content:

click to rate:

Account: (login)

More Channels


Showcase


Channel Catalog


Channel Description:

Divisare - Projects Latest Updates

older | 1 | .... | 526 | 527 | (Page 528) | 529 | 530 | .... | 567 | newer

    0 0

    Project features Learning from the characters of Valpolicella, one of the most prolific regions for viticulture, we proposed a synthesis of its territorial features, made of natural and historic heritage. We considered the new winery addition within its territorial context, trying to provide with the project a new key of lecture of the whole area.

    Stefano Daddi, marta cesaroni, Sabatino Cecchini — Wine Culture Center

    Vista della nuova addizione

    The project was inspired by the widespread elements: vine leafs and clods of earth.

    Stefano Daddi, marta cesaroni, Sabatino Cecchini — Wine Culture Center

    Sezione prospettica

    Both of them follow in growth a mathematic scheme, the Voronoi diagram. We imagined the original stereometric volume and than we broke it in different Voronoi shaped units, mirroring the gentle geometries of the landscape.

    Stefano Daddi, marta cesaroni, Sabatino Cecchini — Wine Culture Center

    Concept

    The chosen strategy is based on transparency and permeability: novices or experts can walk through the Voronoi boxes approaching and tasting all the phases of winemaking process.

    Stefano Daddi, marta cesaroni, Sabatino Cecchini — Wine Culture Center

    Schema funzionale

    The new area, granting the industrial process efficiency and continuity, will be organized on two floors: the upper one will be used to receive the visitors and students with educational-recreational activities, whereas the lower one – completely glazed and reachable by means of a wide stairway – will show to the visitors the several phases of the wine production chain.


    0 0

    As one of Bologna’s largest industrial complexes, the former industry are deeply rooted in the city’s history. The challenge we faced was how to maintain the spatial qualities, character and monumentality of the existing structures, while creating a contemporary transformation that embodies their historical significance, and modernizing and re-functionalizing an extraordinary architecture.

    Stefano Daddi, marta cesaroni — Space to Culture

    We base the renewing on three concepts, one for each shapes: the covered piazza, the temple entrance, and the bridge gallery.

    Stefano Daddi, marta cesaroni — Space to Culture

    The first idea was to make ‘a covered piazza’, as an act of remembrance and as a gesture to the future: while maintaining its industrial legacy, the greater building is reshaped by subtraction, emptied by a double-volume where the various functions overlook. The remaining gap on the top is filled with glass to allow for maximum daylighting and views between the hall and the sky. This new public square becomes a stage for public events or a versatile open space, that users can self-modulate.

    Stefano Daddi, marta cesaroni — Space to Culture

    The building’s facade, in connection with the district, shows itself like a “temple of culture” (descending by Cervellati’s “laic church”), and reveals the activities organized as a profusion of wide rooms: an entrance created by sets of overlays, juxtapositions, connections and shifts offering a great variety of spaces; auditorium, showroom, temporary offices, multimedia rooms, multi-purpose rooms. A contemporary village vibrating a wide range of activities, from production to sharing.

    Stefano Daddi, marta cesaroni — Space to Culture

    On the top level is located a bridged gallery, diagonally crossing the court, that can be considered an exemplary reused set. It links all the building volumes standing on three climbing points, watching over the complex towards the surrounding city.

    Stefano Daddi, marta cesaroni — Space to Culture

    Stefano Daddi, marta cesaroni — Space to Culture

    Stefano Daddi, marta cesaroni — Space to Culture


    0 0

    Il volume della nuova scuola primaria, rispondendo alle sue funzioni principali, è inserito razionalmente nel contesto tenendo conto della percezione e delle necessità fisiche e psichiche del bambino. E’ in connessione visiva l’abitato e circondata dal parco giochi e dall’area verde del polo scolastico, permeabile ai pedoni ed aperto verso il paesaggio.

    Stefano Daddi — Progetto di Scuola Primaria

    La scuola è realizzata con una struttura prefabbricata, che riduce i tempi ed i costi di costruzione, oltre a garantire un maggiore comfort ambientale nell’edificio. La semplicità primordiale del volume costituito da un parallelepipedo con il tetto a falde avvicina il concetto di “casa”, luogo di protezione, alla scuola, spazio di apprendimento.

    Stefano Daddi — Progetto di Scuola Primaria

    Il tetto è punteggiato da lucernari che creano una quinta facciata consentendo l’illuminazione degli spazi interni inondati di luce dall’alto; il guscio esterno è costituito da pannelli di legno verticali trattati con vernici colorate, che conferiscono un effetto giocoso e brioso, limitando inoltre l’azione diretta dei raggi solari e dei venti invernali sulla facciata.

    Stefano Daddi — Progetto di Scuola Primaria

    Stefano Daddi — Progetto di Scuola Primaria

    Stefano Daddi — Progetto di Scuola Primaria

    Stefano Daddi — Progetto di Scuola Primaria


    0 0

    La stanza da bagno è il luogo dedicato alla cura del corpo e dello spirito; è una fuga introspettiva verso se stessi, verso il proprio io, verso il benessere psico-fisico e del relax. Il bagno contemporaneo è il luogo del piacere e della sensorialità, dove rigenerarsi, e ritrovare armonia ed equilibrio con sé e con la natura. Il bagno del viticoltore biodinamico lavora in sintonia con il principio di sostenibilità e di salvaguardia del territorio.

    Stefano Daddi, Paolo Ciampolini — Stanza da Bagno per Viticoltore Biodinamico

    Un ambiente illuminato da una luce morbida, opalina, proveniente dallo spacco del masso che lascia filtrare nella caverna la luce lunare, responsabile dello sviluppo e dell’accrescimento sulle piante e sugli esseri viventi in generale.

    Stefano Daddi, Paolo Ciampolini — Stanza da Bagno per Viticoltore Biodinamico

    Il progetto prevede l’impiego di materiali lapidei esclusivi, come marmi e graniti, in coordinamento con rubinetteria ed i complementi d’arredo, con tutto il calore dei prodotti naturali. L’obiettivo principale è quello di comunicare la bellezza ed il potenziale espressivo del marmo e della pietra, anche in una sola lastra, dimostandone inoltre la versatilità d’impiego e di finitura superficiale. Il marmo non è materiale freddo, ma viva espressione di un pensiero e di uno stato d’animo.

    Stefano Daddi, Paolo Ciampolini — Stanza da Bagno per Viticoltore Biodinamico

    I sanitari, una vasca e una coppia di lavabi, realizzati in marmo di Botticino classico, sono studiati in funzione delle tematiche dell’acqua e della grotta, in stretta correlazione con gli altri elementi del progetto.

    Stefano Daddi, Paolo Ciampolini — Stanza da Bagno per Viticoltore Biodinamico

    Stefano Daddi, Paolo Ciampolini — Stanza da Bagno per Viticoltore Biodinamico


    0 0

    Curated by Florian Idenburg and Jing Liu, and artist Sebastiaan Bremer, Blueprint at Storefront for Art and Architecture invited artists and architects to reflect on the theme of origination through the medium of the blueprint. The notion of the blueprint – a nostalgic medium – implies a plan and intention. The show is an assessment of the past and suggests a trajectory for the future.

    SO – IL — Blueprint at Storefront for Art and Architecture

    Exterior view

    Realized as part of the exhibition, our installation shrink-wraps the gallery’s façade of varied and irregular openings, transforming the Holl-Acconci exterior into one continuous and undulating surface. The resulting interior provides an intimate space for the viewer to see the mind of the artist.

    SO – IL — Blueprint at Storefront for Art and Architecture

    Exterior view

    For the installation, we appropriated a “mothballing” technique. The technique to “put things away” is typically used in a range of applications from suspending work on construction sites to preserving ships, and tanks. For Blueprint, we use the technique to reevaluate the original intent of the architecture of Storefront: an activator and agitator of the public realm. Rather than conserve, this shrink-wrap reinvigorates the existing Holl-Acconci installation and reveals the activities happening behind its permeable skin.

    SO – IL — Blueprint at Storefront for Art and Architecture

    Detail

    SO – IL — Blueprint at Storefront for Art and Architecture

    Night view

    SO – IL — Blueprint at Storefront for Art and Architecture

    Exhibition view

    SO – IL — Blueprint at Storefront for Art and Architecture

    Exploded isometric


    0 0

    allestimento di spazi espositivi all’ interno del castello estense, Ferrara.

    Antonio Ravalli — L'arte per l'arte

    Antonio Ravalli — L'arte per l'arte

    Antonio Ravalli — L'arte per l'arte

    Antonio Ravalli — L'arte per l'arte

    Antonio Ravalli — L'arte per l'arte

    Antonio Ravalli — L'arte per l'arte

    Antonio Ravalli — L'arte per l'arte


    0 0
  • 06/19/15--08:07: Casa P2 - Antonio Ravalli
  • Ristrutturazione di abitazione nel centro storico di Ferrara

    Antonio Ravalli — Casa P2

    Antonio Ravalli — Casa P2

    Antonio Ravalli — Casa P2

    Antonio Ravalli — Casa P2

    Antonio Ravalli — Casa P2

    Antonio Ravalli — Casa P2

    Antonio Ravalli — Casa P2

    Antonio Ravalli — Casa P2

    Antonio Ravalli — Casa P2

    Antonio Ravalli — Casa P2

    Antonio Ravalli — Casa P2

    Antonio Ravalli — Casa P2

    Antonio Ravalli — Casa P2

    Antonio Ravalli — Casa P2

    Antonio Ravalli — Casa P2

    Antonio Ravalli — Casa P2


    0 0


    Michele Dicembrino, Benedetta Graziani — CASA P+M

    STATO DI FATTO

    Michele Dicembrino, Benedetta Graziani — CASA P+M

    PROGETTO

    Michele Dicembrino, Benedetta Graziani — CASA P+M

    Michele Dicembrino, Benedetta Graziani — CASA P+M

    Michele Dicembrino, Benedetta Graziani — CASA P+M

    Michele Dicembrino, Benedetta Graziani — CASA P+M

    Michele Dicembrino, Benedetta Graziani — CASA P+M

    Michele Dicembrino, Benedetta Graziani — CASA P+M

    Michele Dicembrino, Benedetta Graziani — CASA P+M

    Michele Dicembrino, Benedetta Graziani — CASA P+M

    Michele Dicembrino, Benedetta Graziani — CASA P+M

    Michele Dicembrino, Benedetta Graziani — CASA P+M

    Michele Dicembrino, Benedetta Graziani — CASA P+M

    Michele Dicembrino, Benedetta Graziani — CASA P+M

    Michele Dicembrino, Benedetta Graziani — CASA P+M

    Michele Dicembrino, Benedetta Graziani — CASA P+M


    0 0

    allestimento di spazi espositivi, palazzo diamanti, Ferrara.

    Antonio Ravalli — Matisse, la figura

    Antonio Ravalli — Matisse, la figura

    Antonio Ravalli — Matisse, la figura

    Antonio Ravalli — Matisse, la figura

    Antonio Ravalli — Matisse, la figura

    Antonio Ravalli — Matisse, la figura

    Antonio Ravalli — Matisse, la figura

    Antonio Ravalli — Matisse, la figura

    Antonio Ravalli — Matisse, la figura

    Antonio Ravalli — Matisse, la figura

    Antonio Ravalli — Matisse, la figura

    Antonio Ravalli — Matisse, la figura


    0 0

    Case unifamiliari (ville a schiera) in una zona periferica del comune di Fiumicino.

    Andrea Li Destri — Laboratorio di progettazione 1

    sito di progetto

    Andrea Li Destri — Laboratorio di progettazione 1

    elaborato progettuale


    0 0

    Viste assonometrie, viste prospettiche del progetto elaborato per il laboratorio di progettazione 1

    Andrea Li Destri — Geometria Descrittiva

    piante+prospetti+assonometria

    Andrea Li Destri — Geometria Descrittiva

    prospetti e sezioni

    Andrea Li Destri — Geometria Descrittiva

    esploso

    Andrea Li Destri — Geometria Descrittiva

    planimetria generale+prospetto EST e OVEST

    Andrea Li Destri — Geometria Descrittiva

    assonometrie

    Andrea Li Destri — Geometria Descrittiva

    prospetti in prospettiva

    Andrea Li Destri — Geometria Descrittiva

    assonometria di tre unità abitative+prospettiva di un particolare dell'interno

    Andrea Li Destri — Geometria Descrittiva

    sezione+sezione prospettica


    0 0

    House and atelier in Genova.

    maltesebenedetti — CHIARA'S HOUSE

    livingroom

    maltesebenedetti — CHIARA'S HOUSE

    livingroom

    maltesebenedetti — CHIARA'S HOUSE

    bedroom

    maltesebenedetti — CHIARA'S HOUSE

    bathroom

    maltesebenedetti — CHIARA'S HOUSE

    library

    maltesebenedetti — CHIARA'S HOUSE

    children bedroom

    maltesebenedetti — CHIARA'S HOUSE

    children bedroom

    maltesebenedetti — CHIARA'S HOUSE

    garden

    maltesebenedetti — CHIARA'S HOUSE

    garden

    maltesebenedetti — CHIARA'S HOUSE

    atelier

    maltesebenedetti — CHIARA'S HOUSE

    atelier

    maltesebenedetti — CHIARA'S HOUSE

    kitchen


    0 0

    sale espositive destinate ad essere inserite al di sotto delle mangiatoie degli animali dell’ex-mattatoio.

    Andrea Li Destri — Laboratorio di Costruzione dell'Architettura

    planimetria generale/sezioni/prospetti/pianta delle coperture

    Andrea Li Destri — Laboratorio di Costruzione dell'Architettura

    zoom di pianta/sezione/prospetto dell'intervento

    Andrea Li Destri — Laboratorio di Costruzione dell'Architettura

    struttura portante

    Andrea Li Destri — Laboratorio di Costruzione dell'Architettura

    sezione

    Andrea Li Destri — Laboratorio di Costruzione dell'Architettura

    sezione

    Andrea Li Destri — Laboratorio di Costruzione dell'Architettura

    particolare costruttivo


    0 0

    Sala espositiva FLECS_Shoe Factory

    Marco Carusone — Sala espositiva

    Marco Carusone — Sala espositiva


    0 0

    mensa per la facoltà d’architettura di ROMATRE da inserire nell’ex-mattatoio di Roma

    Andrea Li Destri — Laboratorio di progettazione architettonica 2

    sito di progetto

    Andrea Li Destri — Laboratorio di progettazione architettonica 2

    tavola 1

    Andrea Li Destri — Laboratorio di progettazione architettonica 2

    tavola 2

    Andrea Li Destri — Laboratorio di progettazione architettonica 2

    tavola 3

    Andrea Li Destri — Laboratorio di progettazione architettonica 2

    tavola 4

    Andrea Li Destri — Laboratorio di progettazione architettonica 2

    descrizione del progetto tramite un quadro dell'artista Malevick

    Andrea Li Destri — Laboratorio di progettazione architettonica 2

    render dell'edificio

    Andrea Li Destri — Laboratorio di progettazione architettonica 2

    plastico del progetto


    0 0

    descrizione e racconto del progetto elaborato per il laboratoro di progettazione 2

    Andrea Li Destri — Disegno dell'Architettura

    tavola che descrive il sito di progetto (tavola d'analisi e rilievo)

    Andrea Li Destri — Disegno dell'Architettura

    piante, sezioni e prospetto (tavola tecnica)

    Andrea Li Destri — Disegno dell'Architettura

    tavola usata per raccontare le fasi che mi hanno portato all'elaborazione di questo progetto (tavola critica)

    Andrea Li Destri — Disegno dell'Architettura

    spiegazione della tavola critica


    0 0

    Storia. Casa Rizza si trova a Vacallo, un paese di 3000 abitanti nel Canton Ticino, in Svizzera. È situato sul confine con l’Italia (Provincia di Como), adagiato alle pendici del Monte Bisbino. Vacallo era originariamente un villaggio contadino, che a partire dalla metà del XX secolo è diventato a vocazione prettamente residenziale. La casa è nel “nucleo storico” del paese, ovvero la parte di paese che risale agli inizi del XIX secolo, tutelata a livello regionale e parte dell’inventario storico federale, con rigide normative da osservare in materia edilizia in caso di ristrutturazioni. La costruzione era parzialmente adibita a fienile e deposito ed in parte residenza di una famiglia di 6 componenti, tra le più influenti del paese che ha stabilito al piano terreno dello stabile la sede del partito popolare democratico locale. Oggi la casa è stata ristrutturata ed è di proprietà del sindaco del Paese.

    studio inches architettura — Casa Rizza

    La costruzione. La casa è una “torretta” a pianta quadrata di 6×6 m che si sviluppa su 4 piani. Per via delle restrizioni dettate dalle leggi edilizie locali, l’involucro non è stato modificato: le aperture sono rimaste quelle esistenti, così come le quote della gronda, del colmo e la tipologia del tetto a falda con la gronda. Ciò che rimane della memoria storica quindi sono i muri esterni portanti. L’interno è stato svuotato, a causa anche delle condizioni precarie dei muri e delle solette e completamente rifatto. La casa all’interno cerca di evidenziare la propria caratteristica di casa a torre nel nucleo storico: i serramenti sono a filo interno e mettono in risalto – dall’esterno – lo spessore del vecchio muro massiccio di 50/60cm; lo spazio in doppia altezza del soggiorno è il locale principale della casa che accentua la percezione della verticalità dell’edificio. La scala leggera in metallo è visibile da tutti i locali ed è l’unico elemento di collegamento verticale degli spazi che cercano una relazione visiva reciproca. Al piano di ingresso si trova un servizio e il locale tecnico, al P1 la cucina e la zona giorno, al P2 uno spazio studio che si affaccia sul soggiorno , una camera ed un servizio, mentre all’ultimo piano la camera matrimoniale con servizio e guardaroba che si affaccia sulla vista della valle del Mendrisiotto.

    studio inches architettura — Casa Rizza

    studio inches architettura — Casa Rizza

    studio inches architettura — Casa Rizza

    studio inches architettura — Casa Rizza

    studio inches architettura — Casa Rizza

    studio inches architettura — Casa Rizza

    studio inches architettura — Casa Rizza

    studio inches architettura — Casa Rizza

    studio inches architettura — Casa Rizza

    Sezioni

    studio inches architettura — Casa Rizza

    Prospetti


    0 0

    Casa Desgraz, commissionata da una coppia di signori in pensione, è ubicata a Solduno, un piccolo insediamento ticinese, adiacente a Locarno e al Lago Maggiore. La casa originaria è composta da elemtni di inizio XX secolo e aggiunte successive degli anni Cinquanta. Il progetto si confronta con le restrizioni dettate dalle normative vigenti in materia di ristrutturazion in contesti storici: aspetti compositivi della facciata non possono essere modificati (quali tetto a falde e posizioni e dimensioni delle aperture). L’involucro esterno portante è rimasto quale memoria della casa, mentre il tetto è stata rialzato di un metro per permettere l’abitabilità del locale mansardato. Si è trattata tuttavia di un’occasione per reinterpretare le tecniche di posa locali secondo nuovi canoni estetici. La copertura è immaginata come un coronamento sottile dell’edificio che ne mette in risalto il volume massiccio ed irregolare. L’interno è stato completamente svuotato e ricostruito. Al piano d’ingresso si trova un locale ospiti, i loclai di servizio e tecnico; al primo piano la zona giorno e all’ultimo la zona notte. Il legno è il materiale di rivestimento predominante: è pensato come una superficie che avvolge gli spazi per racchiudere gli spazi in un’atmosfera domestica d’intimità. La doppia altezza nello spazio del soggiorno permette una connessione visiva e acustica con il piano superiore, in un continuum spaziale.

    studio inches architettura — Casa Desgraz

    studio inches architettura — Casa Desgraz

    studio inches architettura — Casa Desgraz

    studio inches architettura — Casa Desgraz

    studio inches architettura — Casa Desgraz

    studio inches architettura — Casa Desgraz

    studio inches architettura — Casa Desgraz

    studio inches architettura — Casa Desgraz

    studio inches architettura — Casa Desgraz

    studio inches architettura — Casa Desgraz

    studio inches architettura — Casa Desgraz

    studio inches architettura — Casa Desgraz

    studio inches architettura — Casa Desgraz

    studio inches architettura — Casa Desgraz


    0 0

    insediamento abitativo nel quartiere romano di Val Melaina

    Andrea Li Destri — Laboratorio di progettazione architettonica 3

    Vista d'insieme comprendente il preesistente

    Andrea Li Destri — Laboratorio di progettazione architettonica 3

    tavola 1

    Andrea Li Destri — Laboratorio di progettazione architettonica 3

    tavola 2

    Andrea Li Destri — Laboratorio di progettazione architettonica 3

    tavola 3

    Andrea Li Destri — Laboratorio di progettazione architettonica 3

    render della vista del lato sud

    Andrea Li Destri — Laboratorio di progettazione architettonica 3

    render della vista del lato nord


    0 0

    riassetto del quartiere romano di Monte Tiburtini

    Andrea Li Destri — Laboratorio di progettazione urbanistica

    copertina del book contenente le tavole di progetto

    Andrea Li Destri — Laboratorio di progettazione urbanistica

    tavola 1

    Andrea Li Destri — Laboratorio di progettazione urbanistica

    tavola 2

    Andrea Li Destri — Laboratorio di progettazione urbanistica

    vignetta fatta per spiegare i problemi riscontrati nel quartiere

    Andrea Li Destri — Laboratorio di progettazione urbanistica

    tavola 3

    Andrea Li Destri — Laboratorio di progettazione urbanistica

    tavola 4

    Andrea Li Destri — Laboratorio di progettazione urbanistica

    tavola 5a

    Andrea Li Destri — Laboratorio di progettazione urbanistica

    tavola 5b

    Andrea Li Destri — Laboratorio di progettazione urbanistica

    tavola 5c

    Andrea Li Destri — Laboratorio di progettazione urbanistica

    tavola 5d

    Andrea Li Destri — Laboratorio di progettazione urbanistica

    tavola 5e

    Andrea Li Destri — Laboratorio di progettazione urbanistica

    tavola 5f


older | 1 | .... | 526 | 527 | (Page 528) | 529 | 530 | .... | 567 | newer